Ieri mattina il presidio del Movimento di Lotta Disoccupati 7 Novembre davanti alla sede del Consiglio comunale.

“Dopo due anni, siamo qui ancora una volta per dire che a pagare i costi di questa crisi sono sempre i disoccupati e i lavoratori: con pagamenti autonomi di tamponi (anche i rapidi a 15 euro) che in altri Paesi te li buttano in faccia (i molecolari a 60-70 euro). Se bisogna ancora effettuare il tracciamento, che i tamponi siano gratuiti”. Così Eddy Sorge, del Movimento di Lotta Disoccupati 7 Novembre, che ieri mattina ha guidato un presidio davanti alla sede del Consiglio comunale di Napoli.

“È surreale – prosegue – che qualcuno pensi che si possano dare tamponi gratuiti ai consiglieri. Siamo qua non solo per dire che quella delibera è sbagliata, ma anche per dire a tutto il Consiglio comunale di chiedere all’Ordine dei farmacisti tamponi gratuiti per tutti i disoccupati e le disoccupate della città. Alla stessa amministrazione chiediamo il prosieguo del tavolo interistituzionale avviato in prefettura il 5 novembre, affinché i disoccupati siano inseriti in lavori di progetti di pubblica utilità e sia garantito loro un salario per poter campare”.

Redazione Nurse Times

Gentile infermiera, tra qualche anno vedrete riconosciuto il vostro contributo con uno stipendio adeguato
Il dott. Dell’anna presenta la tesi “L’utilizzo di plasma ricco di piastrine per ridurre il tempo di guarigione dell’ulcera del piede diabetico”
Appello AME: “Servono più endocrinologi per emergenze post-Covid”
Milano: i No Vax “multano” le auto in sosta per sensibilizzare la popolazione a non vaccinarsi
Ernia ombelicale: conosciamola meglio
L’articolo Napoli, la protesta dei disoccupati: “Noi paghiamo i tamponi. Per i politici sono gratis” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.