Un medico chirurgo del Policlinico di Bari, Raffaele Sebastiani, è morto nella mattinata di mercoledì 22 dicembre a causa di un infarto, dopo aver lavorato per 12 ore consecutive in sala operatoria. La notizia della morte di Sebastiani, 61enne sposato e padre di due figlie, ha scatenato un’ondata di commozione ma anche di polemiche per i turni massacranti dei camici bianchi, soprattutto a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

Il professionista, infatti, aveva lavorato dalle 8 alle 14 ed era reperibile la notte dello stesso giorno. Durante il turno di reperibilità, per 12 ore è stato in sala operatoria per intervenire sui pazienti positivi al coronavirus. Sebastiani, dopo aver concluso il turno di notte, è tornato a casa ed stato colto da un malore, con ogni probabilità un infarto, durante il sonno.

Come riporta Repubblica, i sindacati dei medici hanno chiesto di conoscere con precisione i turni che Sebastiani aveva seguito nelle ore precedenti alla morte. E anche la direzione sanitaria del policlinico del capoluogo pugliese ha avviato verifiche.

Dott. Simone Gussoni
Fonte: RepubblicaL’articolo Muore di infarto dopo un doppio turno di 12 ore in sala operatoria: Raffaele Sebastiani aveva 61 anni scritto da Dott. Simone Gussoni è online su Nurse Times.