Il segretario confederale del sindacato, Gianna De Amicis, e il segretario nazionale Gianluca Giuliano commentano con amarezza la tragedia che ha colpito la giovane Sara Viva Sorge, deceduta in un incidente stradale mentre tornava a casa dal lavoro.

Il terribile incidente stradale in cui nella mattinata del 15 febbraio ha perso la vita l’infermiera di San Vito dei Normanni accende ancora una volta i riflettori sulle condizioni di lavoro degli operatori sanitari. “La giovane – dichiarano in una nota Gianna De Amicis e Gianluca Giuliano, rispettivamente segretario confederale e segretario nazionale di Ugl Salute – stava tornando a casa dopo aver lavorato per la seconda volta consecutiva in orario notturno. Era stata assunta da poco e subito catapultata nel vortice di turni massacranti, con molti pazienti da assistere”.

E ancora: “La responsabilità della sua morte è di un sistema, quello sanitario, che non è in grado di mettere in sicurezza gli operatori impegnati. La violenza nei loro confronti non è solo quella legata alle aggressioni, fisiche e verbali, che di continuo subiscono, ma anche nell’organizzazione del lavoro. Manca personale, e la pandemia ha scoperchiato un vaso di Pandora che volutamente in tanti, in ossequio ai tagli indiscriminati assestati alla sanità, hanno ignorato per anni”.

Concludono i due sindacalisti: “Questo terribile lutto è un ennesimo tributo che i professionisti della salute pagano di persona. Non c’è tempo da perdere per garantire agli operatori sanitari la certezza di lavorare per vivere. Questo è, per l’intera Ugl, non solo lo slogan della campagna contro il triste fenomeno delle morti bianche, ma la promessa di una battaglia per la sicurezza dei lavoratori che combatteremo senza tregua”.

Redazione Nurse Times

Dall’Iraq all’Italia, la storia a lieto fine della piccola Nza: il suo “piccolo cuore” batte ancora grazie al “cuore grande” dei napoletani
Lucca e Massa Carrara, la denuncia di Uil Fpl: “Spariscono gli oss dall’appalto dei barellieri. Scelta disastrosa”
Morte dell’infermiera nel Brindisino, Ugl Salute urla il proprio slogan: “Lavorare per vivere”
Il 31 marzo termina lo stato d’emergenza per il covid. Il Cts verso la chiusura. Ma il virus tornerà a dare fastidio in autunno
Falso sms su green pass. La Polizia avvisa: “Non aprite quel link. Vi rubano i dati”
L’articolo Morte dell’infermiera nel Brindisino, Ugl Salute urla il proprio slogan: “Lavorare per vivere” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.