Aggressione inquietante segnalata sulla pagina dell’Associazione “Nessuno tocchi Ippocrate” pervenuta dalla ASL NAPOLI 2
Follia nella notte a Sant’Antimo, piccolo comune del napoletano. Un uomo ha minacciato moglie e sanitari, poi si è chiuso in bagno tentando di suicidarsi.
Il protagonista dell’ennesimo episodio di violenza ai danni degli operatori sanitari, un uomo agli arresti domiciliari che è stato bloccato e trasportato in ospedale.
La seconda in pochi giorni nel napoletano, la diciannovesima dall’inizio dell’anno.
A farne le spese, oltre ai sanitari aggrediti, anche il mezzo di soccorso, letteralmente distrutta. Il personale del 118 era stato allertato dalla donna, minacciata dal marito.
Questa la testimonianza apparsa sulla pagina Facebook dell’associazione.
“Buongiorno volevo segnalare intervento delle 22.30 circa in Sant’Antimo effettuato da ‘Fratta automedica’ e ‘Sant’Antimo B’. Allertati per agitazione di una signora, arrivata sul posto, capisco che l’evidente alterazione mentale era del compagno aggressivo nei suoi confronti e poi successivamente verso di noi.La ragazza riferiva di essere reclusa in casa, era agitata ed evidentemente preoccupata di lasciare il proprio bambino di un anno ai familiari e soprattutto al compagno.
Decido quindi di effettuare il trasporto di entrambi che si mostrano anche se con qualche resistenza consenzienti.Il signore bevitore, tossicodipendente agli arresti domiciliari, inizia ad essere aggressivo nei nostri confronti fortunatamente, solo in modo verbale, questo perché con calma siamo riusciti a non aizzare le sue reazioni evitando di rispondere alle sue continue provocazioni.
Decido di chiamare i carabinieri e di effettuare il trasporto solo in loro presenza.I carabinieri pur mostrandosi disponibili al loro arrivo, sono giunti tuttavia, dopo circa un ora e poco più. Nel mentre il signore minaccia di avere armi da fuoco nella stanza accanto, per cui vi si reca dicendo di andare al bagno. Esce con lesioni da taglio ai polsi”.

“Scesi giù in ambulanza e messo su barella, il signore inizia a dare calci al vetro dell ambulanza di SANT’ANTIMO B, sfondandola. Viene alle 2 circa effettuato il trasporto.
Segnalo l’episodio come aggressione nei confronti degli operatori sanitari, che alcune volte solo per fortuna e grazie alla calma riescono a portare a termine l’intervento senza grossi danni fisici per loro stessi”.

Inquietante!
#RispettaChiTiAiuta, non aggiungiamo altro…

 
Redazione NurseTimes
 
 
L’articolo Minaccia moglie e sanitari, tenta il suicidio e distrugge l’ambulanza. Follia nel napoletano scritto da Marianna Di Benedetto è online su Nurse Times.