Sono quasi 90 tra medici e infermieri gli indagati agli Istituti Fisioterapici Ospitalieri (Ifo) di Roma, i colleghi timbrano i cartellini mentre loro erano fuori dalla struttura per una passeggiata o per una gita al mare o, come in alcuni casi, per svolgere un secondo lavoro.

Un sistema quasi perfetto che però non è sfuggita ai vertici dell’Ifo che ha denunciato tutto alla Procura di Roma.

La Procura dopo vari pedinamenti e telecamere nascoste ha denunciato 89 persone tra cui ex dipendenti e un noto virologo per falso e truffa aggravata e continuata ai danni di un ente ospedaliero finanziato dal Ministero della Sanità e della Regione Lazio.

I fatti risalgono al periodo precedente alla pandemia da coronavirus, fra l’ottobre 2018 a giugno 2019.

Nel frattempo, invece, alcune persone sotto indagini hanno rilasciato delle dichiarazioni. Uno fra i dirigenti si è difeso spiegando: “Per fare una tac si lavora in equipaggio, tra medico, tecnico radiologo, infermiere, impiegato amministrativo. Per fare prima uno andava a timbrare per tutti e quattro. È un comportamento scorretto, ma non è un reato.”

Per altre persone indagate, invece, è stata l’avvocata Giuseppina Tenga a dichiarare: “Le mie assistite, nell’unico caso contestato, stavano operando: la chirurga, per risparmiare tempo, era andata a timbrare anche per l’anestesista, mentre lei stava addormentando il paziente.” 

Redazione NurseTimes

Rovigo: Paziente azzanna il dito dell’infermiere quasi fino a staccarlo
Medici e infermieri uscivano in orario di lavoro per fare una passeggiata o gite al mare: 90 gli indagati a Roma 
La dott.ssa Venosa presenta la tesi infermieristica sulla Raccomandazione Ministeriale n.14
Skin Tear: una nuova frontiera da esplorare
Sempre meno laureati in infermieristica: -9% secondo Uneba
L’articolo Medici e infermieri uscivano in orario di lavoro per fare una passeggiata o gite al mare: 90 gli indagati a Roma  scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.