UNEBA: senza infermieri, futuro a rischio per le RSA: chi sosterrà gli anziani più fragili e le loro famiglie?

A “50 sfumature di cura” a Treviso l’allarme del non profit sociosanitario di Uneba. Che lancia anche 3 proposte per rispondere all’emergenza.

Nelle Rsa e nelle strutture sociosanitarie in tutta Italia manca personale: medici in alcune regioni, operatori sociosanitari in altre, ma soprattutto, con ampia diffusione, mancano infermieri professionali.

“E’ come per il riscaldamento globale: la situazione continua ad aggravarsi e più aspettiamo ad intervenire, peggio sarà”.  

A lanciare l’allarme è Franco Massi, presidente nazionale di Uneba (www.uneba.it) , associazione di categoria che raccoglie circa 1000 enti in tutta Italia, quasi tutti non profit: in grande maggioranza, Rsa per anziani.

“Mancano infermieri nelle Rsa e, se non si interviene, continueranno a mancarne a lungo”, rincara Fabio Toso, vicepresidente nazionale di Uneba e direttore generale di Fondazione Opera Immacolata Concezione Onlus.

Toso metterà il tema degli infermieri in primo piano sabato 13 a “50 sfumature di cura – Il controcanto delle Rsa” a Treviso: alle 9, nell’auditorium di Fond. Cassamarca, sarà moderatore di “Il PNRR e il ruolo delle Rsa nelle politiche territoriali” con Walter Montini, presidente Associazione Residenze Sanitarie della Provincia di Cremona; Giorgio Pavan, direttore dell’Israa di Treviso; Paolo Pigni, direttore di Fondazione Sacra Famiglia.

Da dove viene il problema della carenza di infermieri?

Durante la pandemia, la sanità pubblica ha assunto moltissimi infermieri, tra cui molti che prima lavoravano in Rsa o strutture sociosanitarie. Ma il problema della carenza di infermieri viene da lontano: come esposto dal prof. Angelo Mastrillo al congresso Uneba Veneto, dal 2001 a oggi i posti nei corsi di laurea (a numero chiuso!) per infermieri sono mediamente del 24% inferiori al fabbisogno di infermieri stimato dalle organizzazioni di categoria – e in ogni caso non tutti gli studenti arrivano alla laurea. E i laureati sono il 39% in meno del turnover annuale di infermieri, nei valori medi degli ultimi 20 anni.

Quali sono le conseguenze della carenza di infermieri?

“Se non ci sono abbastanza infermieri – spiega Toso – , gli enti non possono continuare a garantire lo stesso servizio agli anziani non autosufficienti. Ridurre la qualità del servizio non è la nostra scelta. Non rispettare gli standard di personale fissati dalle Regioni, men che meno. In assenza di altri interventi, rimane allora la scelta più dolorosa, quella che varie strutture per anziani hanno già dovuto compiere: ridurre i posti letto. Ma questo significa non offrire accoglienza ad anziani che ne hanno bisogno, andando contro i nostri valori. E mettere in difficoltà centinaia di famiglie che non possono prendersi più cura dei loro cari quando la  loro non autosufficienza diventa insostenibile. Senza dimenticare le possibili conseguenze sul futuro delle Rsa e dei loro posti di lavoro se saranno ancora costrette ad operare a mezzo servizio”.

Quali possibili soluzioni?

“Abbiamo almeno tre proposte che, seppur non risolutive, possono essere preziose.

1. In mancanza di infermieri in Italia, dobbiamo far arrivare infermieri qualificati dall’estero. Uneba è al lavoro, con altri partner del non profit, per costruire collaborazioni con scuole per infermieri estere.

2. Inoltre, formare e inserire nelle strutture operatori sociosanitari con formazione complementare che operino sotto la guida degli infemieri garantirebbe maggiore qualità. Su questo tema, da alcune  Regioni, come Liguria e Veneto, abbiamo avuto risposte incoraggianti.

3. Anche la tecnologia può venire in aiuto. Alcune strutture Uneba già utilizzano un sistema robotizzato per la preparazione delle dosi di farmaci giornalieri per gli anziani: l’infermiere, libero da questa mansione meccanica, può dedicarsi appieno alla persona assistita”.

“E’ come a Glasgow per il clima – chiude Massi-: serve il contributo di tutte le parti in causa per migliorare la situazione oggi e per evitare che gli anziani e i fragili si trovino domani in una situazione ancora peggiore”. 

La Redazione di NurseTimes accoglie il grido d’allarme lanciato dall’UNEBA associazione di categoria che raccoglie circa 1000 enti in tutta Italia, quasi tutti non profit, in grande maggioranza, Rsa per anziani.

Tuttavia crediamo che le tre proposte suggerite siano insufficienti se non addirittura improponibili.

L’UNEBA, per fidelizzare gli infermieri dovrebbe attuare una politica salariale capace di attrarre gli infermieri con stipendi adeguati al pari delle strutture pubbliche, se non superiore.

Fornire una formazione specifica e gratuita.

Adeguare i contratti a quelli del pubblico impiego.

Eliminare il vincolo di esclusività per gli infermieri previsto dal CCNL favorendo così la libera professione, con possibilità d’impiego nelle strutture private o convenzionate dal SSR. Questo consentirebbe anche l’aumento del gettito fiscale in favore dello Stato.

Per poter soddisfare queste richieste c’è anche bisogno di una politica nazionale più attenta al sociale e alle strutture socio sanitarie, finanziandole, garantendo così la giusta assistenza infermieristica.

Redazione Nurse Times

Risonanza magnetica, Royal Philips propone un approccio olistico per piccoli pazienti
Osteoartrosi: nuove terapie infiltrative per una reale rigenerazione della cartilagine
Sonno e rischio cardiovascolare: qual è l’orario migliore per andare a letto?
Mancano gli infermieri nelle RSA. Le 3 proposte di UNEBA per superare l’emergenza 
Dodici ore di missione per infermieri e medici dell’Ecmo Team del Gaslini per salvare una neonata in gravissime condizioni

L’articolo Mancano gli infermieri nelle RSA. Le 3 proposte di UNEBA per superare l’emergenza  scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.