Sono 25mila i pazienti seguiti all’Ospedale Pediatrico romano. Previste iniziative congiunte sul fronte della comunicazione e della formazione, ma anche l’organizzazione di incontri e convegni a tema e la presa incarico delle istanze provenienti da pazienti e associazioni.

Si stima che in Italia ci siano circa 2 milioni di persone colpite da malattie rare, il 70% delle quali in età pediatrica. E sono quasi 25mila quelle seguite in un solo anno all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. In occasione della Giornata mondiale del 28 febbraio, l’Ospedale, Orphanet (il più grande database mondiale per quanto riguarda le patologie rare), e l’Osservatorio Malattie Rare (Omar) hanno siglato un accordo per promuovere congiuntamente l’informazione e i servizi rivolti a famiglie e associazioni.

In Europa una malattia viene considerata rara quando colpisce non più di cinque persone su 10mila. Secondo studi recenti, ne esistono oltre 10mila in tutto il mondo. Il Bambino Gesù gestisce la più ampia casistica nazionale di malati rari in età pediatrica. Nel 2021 l’Ospedale ha seguito 24.859 pazienti con malattie rare (diagnosticate o sospette), il 40,8% dei quali sotto i 15 anni. Quasi la metà di questi proviene dal Lazio, mentre il 41% circa dal Sud Italia e dalle Isole. Delle 61.828 prestazioni ambulatoriali erogate nel 2021, il 67% ha riguardato indagini di laboratorio. Il 52% dei progetti di ricerca e degli studi clinici portati avanti dall’Ospedale riguardano le malattie e i tumori rari.

Il Bambino Gesù ha attivato dal 2016 un ambulatorio dedicato ai pazienti rari senza diagnosi. L’accordo siglato, della durata di tre anni, prevede la realizzazione di iniziative congiunte sul fronte della comunicazione e della formazione sulle malattie rare, l’organizzazione di incontri e convegni a tema, la presa incarico delle istanze provenienti da pazienti e associazioni.

“Per anni si è pensato che le malattie rare fossero tra le 7 e le 8mila – spiega il direttore scientifico dell’Ospedale, Bruno Dallapiccola –. Un recente studio basato sulle principali fonti di dati esistenti ha dimostrato invece che superano le 10mila. Vuol dire decine di milioni di persone in tutto il mondo, la maggior parte delle quali sono bambini e ragazzi”.

Diverse le iniziative messe in campo dal nosocomio romano, da Omar e da Orphanet per la Giornata mondiale delle malattie rare di lunedì 28 febbraio: il gruppo di “supereroi” di EdilizaAcrobatica si calerà dai tetti dei padiglioni per regalare un momento di gioia e di svago ai bambini in ospedale, e si terrà una diretta rivolta alle famiglie e alle associazioni che sarà trasmessa sui canali Facebook e Youtube di Omar e dell’Ospedale.

Redazione Nurse Times

Rinnovo Contratto (della vergogna): agli infermieri poco più di 100€ lordi
Covid: autista 118 sospesa per critiche su Facebook ad un post di Emiliano. Il giudice le dà ragione: risarcita per i due giorni di sospensione dal lavoro
La dott.ssa Bardeggia presenta la tesi sulla classificazione di ROSS e valutazione infermieristica nel bambino cardiopatico
Concorso infermieri Puglia: “Raddoppiate le assunzioni”
Case di Comunità aperte h24 e collegate a studi dei medici di famiglia. Numero unico per ricevere assistenza e forte presenza di infermieri. Ecco il “DM 71” con la nuova sanità territoriale
L’articolo Malattie rare, siglato accordo triennale tra Bambino Gesù, Orphanet e Omar scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.