Lo rivela uno studio condotto dai ricercatori della Cleveland Clinic e pubblicato su Digestive Disease Week.

Secondo una ricerca presentata alla Digestive Disease Week, in una popolazione di pazienti affetti da malattia di Crohn del mondo reale i pazienti naïve al biologico, rispetto ai pazienti già trattati con questi farmaci, avevano una possibilità significativamente maggiore di ottenere la guarigione della mucosa. Benjamin L. Cohen, della Cleveland Clinic, e colleghi hanno esaminato i dati di 299 pazienti con malattia infiammatoria intestinale dal registro TARGET-IBD e hanno confrontato pazienti naïve ai biologici con pazienti già trattati con questi farmaci e con malattia di Crohn.

I criteri di inclusione erano: malattia di Crohn attiva al momento dell’arruolamento, aver iniziato un biologico al massimo da tre anni, avere eseguito una colonscopia di base meno di 12 mesi prima dell’inizio del biologico, avere iniziato un biologico da almeno 6 mesi e avere effettuato una colonscopia di follow-up da due a 18 mesi dopo l’inizio del biologico e mentre si era in terapia con il biologico. I ricercatori hanno valutato la presenza di infiammazione, erosione, ulcerazione, stenosi e/o fistola al basale e al follow-up per determinare se vi fosse o meno guarigione della mucosa. Hanno definito la guarigione della mucosa come normale colonscopia tra i pazienti con anomalie, colonscopia normale senza steroidi tra i pazienti e risoluzione di infiammazione, erosione o ulcerazione.

Cohen ha evidenziato che i pazienti nel gruppo già trattati con biologici erano significativamente più giovani, avevano una durata della malattia più lunga e più spesso erano stati sottoposti a chirurgia per IBD rispetto a quelli del gruppo naïve al biologico, che può essere correlato a un decorso della malattia più grave. I gruppi non differivano per quanto riguarda lo stato di fumatore, che sarebbe associato a una ridotta reattività alle terapie biologiche.

“In termini di colonscopia normale, il 44,4% nel gruppo mati trattato con questi farmaci ha avuto la normalizzazione della colonscopia rispetto al 27,7% nel gruppo con esperienza biologica – ha detto Cohen –. Nel gruppo naïve al biologico, il 40,6% non era in trattamento con steroidi contro il 19,1% del gruppo con esperienza biologica, e i valori di P erano significativi per entrambi. Gli autori hanno quindi esaminato la risoluzione delle ulcere o delle erosioni infiammatorie tramite colonscopia per il follow-up dopo il trattamento con l’agente biologico. Il 53,1% dei pazienti del gruppo naïve al biologico ha avuto la risoluzione dei segni di infiammazione contro il 39,5% nel gruppo con esperienza biologica”.

I pazienti già trattati con biologici avevano una storia chirurgica significativamente maggiore, che può essere correlata a un decorso più grave, ha aggiunto Cohen: “Abbiamo eseguito un’ analisi multivariata che includeva l’uso precedente del biologico, la durata della malattia, l’età all’inizio del biologico, il fumo, la gravità della malattia e il fenotipo infiammatorio vs. strutturante/fistulizzante. Quando abbiamo inserito tutti questi fattori nel modello, l’unico fattore che era indipendentemente associato all’avere una normale colonscopia senza steroidi o alla risoluzione di tutti i segni endoscopici di infiammazione era avere una o meno esposizioni biologiche”.

Secondo Cohen, la scoperta che i pazienti sottoposti a più di un biologico in passato avevano significativamente meno probabilità di avere la guarigione della mucosa, dopo l’aggiustamento per fattori correlati con la risposta biologica è coerente con le osservazioni degli studi clinici. Secondo gli autori, sarà importante capire come sequenze specifiche di terapia biologica possono avere un impatto su questi risultati.

Redazione Nurse Times

Fonte: PharmaStar

Insoddisfatto della diagnosi, accoltella il chirurgo recidendogli l’arteria femorale. Arrestato paziente al Policlinico di San Donato
Coronavirus, scoperti marcatori genetici associati a infezione e gravità della malattia
Malattia di Crohn: maggiori possibilità di guarigione della mucosa nei naïve al biologico
Coronavirus, giungono conferme sull’efficacia dell’invermectina
Tippy Rail: il dispositivo che previene le cadute dei bimbi dal lettino
L’articolo Malattia di Crohn: maggiori possibilità di guarigione della mucosa nei naïve al biologico scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.