Lo studio U-EXCEED ha evidenziato il raggiungimento degli endpoint primari di remissione clinica e la risposta endoscopica rispetto al placebo alla settimana 12.

Nello studio U-EXCEED una percentuale significativamente più alta di pazienti con malattia di Crohn da moderata a grave trattati con upadacitinib (45 mg una volta al giorno per l’induzione) ha raggiunto sia gli endpoint primari di remissione clinica che la risposta endoscopica rispetto al placebo alla settimana 12. Inoltre i risultati di sicurezza in questo studio sono coerenti con il profilo noto di upadacitinib, senza che siano stati osservati nuovi rischi per la sicurezza.

Lo studio U-EXCEED, un trial di induzione di fase 3, ha arruolato pazienti con malattia di Crohn da moderata a grave che avevano una risposta inadeguata o erano intolleranti alla terapia biologica, con oltre il 60% che aveva precedentemente fallito due o più farmaci biologici. E’ il primo di due studi di induzione di fase 3 per valutare la sicurezza e l’efficacia di upadacitinib negli adulti con malattia di Crohn da moderata a grave. In tale studio la remissione clinica è stata misurata dall’indice di attività della malattia di Crohn (CDAI) e dai sintomi riferiti dal paziente di frequenza di evacuazione/dolore addominale (SF/AP).

Una percentuale significativamente maggiore di pazienti trattati con un trattamento di 12 settimane con regime di induzione di upadacitinib (45 mg al giorno) ha raggiunto la remissione clinica secondo il CDAI alla settimana 12 rispetto al placebo (39%, contro 21%; p<0,0001). Risultati simili sono stati osservati con la remissione clinica secondo SF/AP (Stool frequency/abdominal pain-40% nei pazienti trattati con upadacitinib rispetto al 14% dei pazienti trattati con placebo; p<0,0001.

In questo studio tutti i pazienti sono stati valutati anche per il miglioramento della mucosa intestinale mediante endoscopia. Alla settimana 12 una percentuale significativamente maggiore di pazienti trattati con upadacitinib 45 mg ha ottenuto una risposta endoscopica rispetto al gruppo placebo (35% contro 4%; p<0,0001).

Tra i pazienti che assumevano corticosteroidi al basale, una proporzione significativamente più alta di pazienti che ricevevano upadacitinib 45 mg ha raggiunto la remissione clinica senza steroidi secondo il CDAI ed SF/AP rispetto al placebo alla settimana 12. Una percentuale significativamente più alta di pazienti che riceveva upadacitinib rispetto al placebo ha anche ottenuto precocemente il miglioramento dei sintomi misurato da CR-100 (definito come riduzione di CDAI ≥100 punti rispetto al basale) alla settimana 2 e remissione clinica alla settimana 4.

“Sono entusiasta di vedere i risultati di questo primo studio di induzione di fase 3 su upadacitinib, in particolare in questa popolazione di pazienti refrattari difficili da trattare – ha affermato Jean-Frederic Colombel, professore di medicina e direttore del Centro per le malattie infiammatorie dell’intestino, Icahn School of Medicine, Mount Sinai e autore dello studio U-EXCEED –. Questi risultati dimostrano il potenziale di upadacitinib per ottenere una risposta endoscopica e la remissione clinica, inclusa la remissione clinica senza steroidi, a 12 settimane nei pazienti che vivono con la malattia di Crohn”.

Gli endpoint co-primari erano la remissione clinica (secondo CDAI per l’FDA e per SF/AP per l’EMA) e la risposta endoscopica alla settimana 12. Tutti gli endpoint primari hanno raggiunto una significatività statistica con valori di p <0,0001 rispetto al placebo. La remissione clinica (per CDAI) è definita come CDAI <150.

La remissione clinica per SF (frequenza delle feci) /AP (dolore addominale) (indicato anche come PRO-2) è definita come frequenza media giornaliera di feci molto morbide o liquide ≤ 2,8 e punteggio medio giornaliero del dolore addominale ≤ 1,0, ed entrambi non maggiori rispetto alla linea di base. La risposta endoscopica è definita come una diminuzione del punteggio endoscopico semplice per la malattia di Crohn (SES-CD) maggiore del 50% rispetto al basale (o almeno una riduzione di 2 punti rispetto al basale per i soggetti con un SES-CD al basale di 4).

La remissione clinica senza steroidi è definita come remissione clinica (per CDAI <150, o per SF/AP con SF medio giornaliero ≤2,8 e non peggiore del basale e punteggio AP giornaliero medio ≤1 e non peggiore del basale) e interruzione dell’uso di corticosteroidi tra i pazienti che assumono corticosteroidi al basale. Durante il periodo di 12 settimane, in doppio cieco, controllato con placebo, il profilo di sicurezza di upadacitinib 45 mg è stato coerente con il profilo di sicurezza osservato in precedenti studi in tutte le indicazioni, senza che siano stati osservati nuovi rischi per la sicurezza.

L’evento avverso più comune è stata la rinofaringite per upadacitinib e l’esacerbazione della malattia di Crohn per il placebo. Eventi avversi gravi si sono verificati nel 9,3% dei pazienti nel gruppo upadacitinib 45 mg rispetto al 9,9% dei pazienti nel gruppo placebo. I tassi di infezioni gravi sono stati del 2,8% in quelli trattati con upadacitinib 45 mg e 1,8% nei pazienti che hanno ricevuto placebo. Tutti gli eventi di herpes zoster (1,5% dei pazienti) non sono stati gravi e sono stati riportati solo nel gruppo upadacitinib. Si è verificato un caso di perforazione gastrointestinale aggiudicata nel gruppo upadacitinib.

Altri 207 pazienti alla settimana 12 hanno ricevuto un regime di induzione giornaliero di upadacitinib 45 mg (inclusi coloro che non hanno risposto al placebo o da un braccio in aperto). Tra questi pazienti sono stati segnalati altri due casi di perforazione gastrointestinale. Nel complesso, i risultati di sicurezza in questi pazienti sono stati coerenti con quanto osservato nel gruppo upadacitinib 45 mg durante il periodo controllato con placebo.

Nei gruppi di trattamento non sono stati segnalati casi emergenti dal trattamento di eventi cardiovascolari giudicati, tumori maligni, eventi tromboembolici o morte. I risultati completi dello studio U-EXCEED saranno presentati alle prossime conferenze mediche e pubblicati in una rivista medica sottoposta a revisione paritaria. L’uso di upadacitinib nella malattia di Crohn non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione.

Redazione Nurse Times

Fonte: PharmaStar

Il Governo italiano ha approvato all’unanimità l’obbligo vaccinale per tutti gli over 50
Malattia di Crohn: buoni risultati da trattamento con upadacitinib
Helicobacter pylori: tutto quello che c’è da sapere
Perdite urinarie, prevenirle e gestirle con la riabilitazione del pavimento pelvico
Azienda Zero: concorso pubblico per 253 posti di Operatore Socio Sanitario 
L’articolo Malattia di Crohn: buoni risultati da trattamento con upadacitinib scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.