L’intervento è stato eseguito al Moorfields Eye Hospital. Ne ha beneficiato un ingegnere di 47 anni.

In Inghilterra è stato impiantato, per la prima volta al mondo, un occhio protesico stampato in 3D e completamente digitale. Il paziente che ne ha beneficiato si chiama Steve Verze (foto) ed è un ingegnere di 47 anni.

L’intervento è stato eseguito al Moorfields Eye Hospital di Londra. Verze ha provato per la prima volta il suo nuovo occhio l’11 novembre, insieme a una tradizionale protesi acrilica. Il 25 novembre è tornato a casa con solo il suo occhio stampato in 3D. “Ho bisogno di una protesi oculare da quando avevo 20 anni e mi sono sempre sentito a disagio – ha detto –. Questo nuovo occhio ha un aspetto fantastico”.

Rispetto alla tradizionale protesi acrilica, la protesi oculare stampata in 3D è più realistica e definita, e dà la percezione della profondità reale della pupilla. A differenza dei metodi tradizionali, utilizza scansioni dell’occhio invece di uno stampo invasivo della cavità oculare. Anche la velocità del processo di produzione, fanno notare dall’ospedale, è un elemento che potrebbe favorire l’utilizzo di protesi oculari stampate in 3D.

Redazione Nurse Times

Pesaro: sospesi altri 36 infermieri, medici e OSS non vaccinati contro il Covid-19
Londra, impiantato per la prima volta al mondo occhio protesico stampato in 3D
Il 65% degli Svizzeri votano si al referendum per adeguare gli stipendi degli infermieri
ANIPIO. Infezioni ospedaliere in Italia: ogni anno muoiono quasi 11mila persone
Glutine “detossificato” per celiaci e intolleranti: il brevetto dell’Enea
L’articolo Londra, impiantato per la prima volta al mondo occhio protesico stampato in 3D scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.