In Liguria si infiamma il dibattito politico sul fatidico concorso per 500 operatori socio sanitari

Da una parte c’è il consigliere regionale del Partito Democratico Pippo Rossetti che lancia l’allarme. La replica della vicepresidente Viale.

Secondo l’esponente del PD le strutture sanitarie liguri
sarebbero in pesante carenza di operatori sociosanitari, in misura largamente
maggiore di quelle 500 unità previste dall’assessore alla sanità Viale previsti
nel prossimo bando concorsuale.

Nel comunicato stampa di Rossetti si legge “L’assessore Viale, evidentemente, non so cosa succeda nella sanità ligure. Perché a una mia interrogazione con risposta scritta sul concorso tanto atteso per operatori socio sanitari ha risposto che la selezione partirà entro fine anno, senza menzionare ciò che sta succedendo in Liguria. Le Asl, infatti, in carenza di personale chiamano gli oss direttamente dal collocamento, assumendo per titolo e per Isee: ci ha provato recentemente l’Asl 2, solo per fare un esempio, ma poi, fortunatamente, l’Azienda ha ritirato il bando in autotutela. È bene ricordare che gli oss chiamati attraverso il collocamento vengono assunti con una categoria inferiore (b) a quella prevista nel contratto della sanità per gli operatori sociosanitari (b2). In Consiglio Regionale i sindacati avevano portato i lavoratori di KCS, che opera presso l’istituto Brignole con un livello b invece che b2 e che il tribunale pare abbia recentemente obbligato la stessa azienda a inquadrare gli oss in b2”.

“Mi stupisce che, mentre in Commissione Sanità è stato constatato che sommando gli oss interinali, esternalizzati e a tempo determinato ai posti vacanti il fabbisogno ligure sia assai superiore alle 500 unità del concorsone, l’assessore ritenga che quello resti comunque il numero di persone da assumere – aggiunge Rossetti -. Così alla fine di tutta la lunga procedura Viale otterrà lo stesso risultato ottenuto con gli infermieri: dopo le assunzioni si scopriranno nuovi buchi di organico e si procederà con la chiamata di nuovi interinali e temporanei. Insieme ai colleghi del Gruppo del Pd e Rete a Sinistra – Liberamente Liguria ho presentato un’interpellanza al fine di stimolare la Giunta ad assumere tutto il personale di cui c’è bisogno”.

La replica della vicepresidente Viale “una base di 500 posti a concorso è più che sufficiente, perché per questo concorso, che riguarda la categoria del personale tecnico professionale direttamente addetto all’assistenza, la graduatoria sarà valida anche per gli idonei. Questo perché la Legge di bilancio dello scorso anno lo consente per tutti i concorsi il cui bando sia stato approvato entro il 31 dicembre 2019. In questo modo potremo assumere, in tre anni, ben oltre 500 Oss”.

Redazione NurseTimes
L’articolo Liguria: presto concorso pubblico per 500 operatori socio sanitari scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.