I carabinieri del Nas hanno notificato al 64enne, che si spacciava per specialista di medicina interna, il provvedimento della libertà vigilata e lo hanno affidato al Centro di salute mentale della Asl di Fondi.

A conclusione dell’indagine denominata Dark Card e coordinata dal procuratore aggiunto Carlo Lasperanza e dal sostituto procuratore Giorgia Orlando, i carabinieri del Nas di Latina hanno dato esecuzione alla misura di sicurezza provvisoria emessa dal gip del tribunale di Latina a carico di un medico di medicina generale 64enne, indagato per violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione.

L’attività investigativa è cominciata nel novembre 2019, dopo alcune denunce presentate in Procura da tre genitori per molestie e abusi sessuali nei confronti delle proprie figlie, due ragazze di 17 e 18 anni. I successivi accertamenti hanno consentito di verificare che l’indagato, a bordo dei mezzi pubblici su cui viaggiava nella tratta Roma-Terracina, approcciava ragazzine minorenni, inviandole nel suo studio e consegnando loro bigliettini da visita su cui era riportato il titolo di specialista in medicina interna, pur non essendo più iscritto all’apposito albo professionale poiché radiato dal 2002.

I militari del Nas hanno quindi notificato al 64enne il provvedimento della libertà vigilata e lo hanno affidato al Centro di salute mentale della Asl di Fondi per essere sottoposto a cure secondo un programma terapeutico.

Redazione Nurse Times

L’articolo Latina, adescava ragazze sui mezzi pubblici: medico indagato per violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.