La Procura intende fare luce sulla vicenda, che risale al 31 dicembre scorso.

Lo scorso 31 dicembre, all’ospedale dell’Aquila, una donna positiva al coronavirus ha partorito, ma subito dopo ha ricevuto la notizia che suo figlio era morto, nonostante le fosse stato assicurato fino all’ultimo che stava bene e che non avrebbe avuto problemi. Inutili i tentativi di rianimarlo. Ora la Procura ha aperto un’inchiesta per accertare cosa abbia motivato il tragico esito della gravidanza.

Della vicenda non si conoscono i particolari. Non si sa nemmeno se il piccolo sia venuto alla luce già morto o se il quadro clinico sia improvvisamente precipitato e per quale motivo. Ma i genitori, ovviamente, vanno a caccia di risposte e hanno denunciato l’accaduto alla magistratura.

Il sostituto procuratore Roberta D’Avolio, dal canto suo, ha disposto il sequestro della cartella clinica di mamma e bimbo e ha iscritto nel registro degli indagati sei medici che a vario titolo si sono occupati della paziente, ricoverata nel reparto di Ostetricia, settore Covid.

Redazione Nurese Times

L’Aquila, muore figlio di partoriente positiva al Covid: 6 medici indagati
Ascoli, buttava dosi di vaccino anti-Covid per far ottenere falsi Green Pass: medico arrestato
Pronto soccorsi sotto pressione: organizzazioni allarmanti, mancano infermieri e Oss
Covid-19: reparti sempre più pieni di negazionisti che si sono curati con il fai da te
FVG: Concorso pubblico per 130 infermieri. Al via le domande
L’articolo L’Aquila, muore figlio di partoriente positiva al Covid: 6 medici indagati scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.