La regione Lombardia si appresta a lanciare un progetto sperimentale sul percorso di formazione complementare in assistenza sanitaria dell’operatore socio sanitario.

Il nuovo operatore sanitario potrà svolgere competenze di pertinenza infermieristica nelle strutture sociosanitarie residenziali e semiresidenziali per persone anziane e per persone con disabilitàNella bozza presentata queste figure autorizzate e accreditate della rete residenziale e diurna territoriale.

La formazione complementare prevede una durata quadrimestrale suddivisa in due mesi di lezioni teoriche (150 ore), due mesi di tirocinio (150 ore di cui minimo 50 ore fuori orario di servizio, registrate e controfirmate dall’infermiere formato).

I docenti saranno solo infermieri, titolo preferenziale la laurea magistrale.

Sei moduli previsti per un totale di 150 ore.

Contenuti

Nutrizione enterale nell’anziano (8 ore)

Vie di somministrazione della nutrizione enterale: SNG, PEG, PEJPrincipali miscele nutritiveModalità e raccomandazioni per l’aiuto all’assunzione (continua, intermittente)Presidi, preparazione delle miscele nutritive, allestimento del materialePosizionamento dell’assistito, sorveglianza, conoscenza, rilevazione segnalazione delle complicanzePrevenzione delle lesioni da device, igiene del naso e del cavo oraleProcedure per la medicazione della gasrtostomia stabilizzata, principali alterazioniAttuazione le azioni di prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza (ICA) anche nel piano di gestione emergenziale (10 ore)

Contenuti

Conoscenza delle principali ICA, modalità di esecuzione di tampone del sito infettoConoscenza degli aspetti organizzativi legati all’isolamento, modalità di attuazione modelli di isolamento e utilizzo dei DPIAssistito con enterotomia (10 ore)

Cenni di anatomia sistema gastroenterico, colon/rettoTipologie di stomie, sistemi di raccoltaIgiene e cura della cute peristomaleConoscenza delle principali complicanze, osservazione della stomia e prevenzione delle complicanzeValutazione della cute peristomale e cenni di medicaioniPrevenzione delle lesioni da pressione, fragilità cutanea nell’anziano, alimentazione (14 ore)

Caratteristiche della cute dell’anzianoLacerazioni cutanee, fattori di rischio (malnutrizione), sedi di localizzazione più frequenti delle lesioniInterventi di prevenzione delle lesioni da pressioneRaccomandazioni e linee guida per la prevenzione delle lesioni da pressioneOsservazione dello stato della cute e segni di complicanzeModulo 2 dolore e fine vita

Dolore e qualità della vita nell’anziano, cure di fine vita (20 ore)

Tutela dei diritti e della dignità dell’anziano istituzionalizzatoIl dolore e la qualità di vita nell’anziano istituzionalizzatoTipologie di dolore: acuto, cronico, persistenteDolore e demenzaConseguenze del dolore non trattatoRispetto della dignità del morente e dei suoi valoriAzioni di cura e confort: interventi sull’ambienteSupporto post evento per i argive, gli ospito e il personaleLa relazione con l’assistito anziano e i famigliari: stili e tecniche di comunicazione efficaceModulo 3 aiuto nell’assunzione delle prescrizioni terapeutiche

Responsabilità nell’aiuto all’assunzione delle prescrizioni terapeutiche e nelle attività sanitarie (10 ore)

Contenuti

Concetto di responsabilità, autonomia, cooperazione, attribuzione, attribuzione vs delegaLa responsabilità dell’ Operatore Socio Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria nelle attività assistenziali di tipo sanitarioConsenso e rifiuto dei trattamenti da parte dell’assistitoPrincipi nell’aiuto alla somministrazione dei farmaci in sicurezza (10 ore)

Contenuti

Standard di sicurezza per la somministrazione (7G)Aiuto all’assunzione sicura: gli errori più frequenti nella terapia e le azioni per prevenirliLa prescrizione medica dei farmaci: elementi costitutivi e principali erroriComuni abbreviazioni utilizzate nelle prescrizioniStoccaggio e conservazione dei farmaciPrincipi generali di farmacologia e farmaci uso comune negli anziani (12 ore)

Contenuti

Principali categorie di farmaci utilizzati negli anziani fragili: i diuretici, cardiovascolari, antidolorifici, psicofarmaci, anticoagulanti, antibiotici, antidiabetici orali, insulinaPrincipali segni e sintomi di allarme in seguito all’aiuto all’assunzione dei farmaciAiuto all’assunzione delle prescrizioni terapeutiche ne di farmaci per via naturale (12 ore)

Contenuti

Le vie di somministrazione dei farmaci previsti per OSS-FC in assistenza sanitariaUnità di misura più utilizzate e allestimento dei farmaci (soluzioni, polveri)Aiuto nell’assunzione di farmaci per via orale, sublinguale, mediante SNG o PEG principali controindicazioni:disfagia, nausea/vomito, stato di coscienza alterato.Assunzione in relazione ai pasti.Ricostituzione (polvesri sciroppi) preparazione (triturazione…) del farmaco. Prevenzione del rischio di inalazione. Aiuto nell’assunzione in assistiti con disfagia con supervisione dell’infermiereAiuto nell’assunzione delle prescrizioni di farmaci per via topica: tran dermica, cutanea, otologica, oftalmica, nasaleAiuto nell’assunzione delle prescrizioni di farmaci per via inalatoria: inalatori, spay, nebulizzatori, distanziatoriAiuto nell’assunzione delle prescrizioni di farmaci per via rettale: supposte, clismiTipologie dei clismiCenni di anatomiaDispositivi e soluzioniPosizionamento dell’assistitoProcedura e rischiOsservazione dell’assistitoSorveglianza delle infusioni (4 ore)

Contenuti

La sorveglianza della terapia infusiva endovenosa:Vigilanza del mantenimento della velocità di infusioni prescritta e impostataAlterazioni cutanee nella sede di inserzione del CVPDislocazione del dispositivoAiuto alla somministrazione di delle prescrizioni terapeutiche di ossigeno terapia e rilevazione della saturazione (6 ore)

Somministrazione di ossigeno terapia:Tempi e modalità di somministrazionePrincipali caratteristiche dei dispositivi utilizzatiSicurezza durante la somministrazione dei dispositivi utilizzatiSicurezza dell’assistito durante la somministrazione, sicurezza ambientaleComplicanzeCura del cavo orale nell’assistito con ossigeno terapiaPrevenzione di lesioni da dispositivoRilevazione della saturimetriaRange di normalità e principali alterazioniModulo a aggiornamenti

Prevenzione delle cadute negli anziani (8 ore)

Contenuti

Epidemiologia delle cadute e principali conseguenzePrevedibilità e prevedibilità della cadutePaura di cadere e caduteAssistiti ad alto rischio di caduta: con demenza o malattia di ParkinsonIntervgenti per prevenire le caduteCoinvolgimento e collaborazione dell’asistito e del argive nella prevenzioneFattoti di rischio ambientali e loro modificaAusili per la motricità in sicurezzaMantenimento della abilità residue: approccio preventivo in integrazione con l’equipeSegnalazione e monitoraggio delle cadutePrevenzione all’utilizzo di misure di contenzione (10 ore)

Contenuti

Limiti e vincoli giuridici alla contenzioneLa prescrizione medica e il preventivo consenso del caregiverLe ragioni per eliminare la contenzioneStrategie di prevenzione e azioni alternative alla contenzionePrevenzione delle infezioni dell’assistito anziano istituzionalizzato (12 ore)

Contenuti

Fenomeno dei germi multi resistentiDifferenza tra colonizzazione e infezionePrecauzioni per prevenire la colonizzazione e l’infezioneLe misure di prevenzione da adottare nell’assistito anziano istituzionalizzato con:Infezioni delle vie respiratorie: influenza, polmonite, TBC, Sars-Cov-2Gastroenterite da clostridium difficileParassitosi cutanea: scabbiaRedazione NurseTimes

Roma, gli oss manifestano in piazza: “1.500 assunti durante la pandemia e ora lasciati a casa”
La formazione del vice infermiere in Lombardia agli infermieri: tutti i moduli didattici
Caso Balanzoni, la reazione social della dottoressa radiata: “Me ne fotto”
Conferenza Plenaria Internazionale Nursing Up, De Palma sul nuovo contratto: «La sanità del futuro sempre più a misura d’uomo»
Andreucci subentra a Romano nella direzione del Siiet
L’articolo La formazione del vice infermiere in Lombardia agli infermieri: tutti i moduli didattici scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.