Grande successo per il nostro progetto editoriale denominato NeXT che permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e a tutti i professionisti della sanità di poter pubblicare la propria tesi di laurea sul nostro portale. 

Sono numerose le tesi di laurea che quotidianamente arrivano all’attenzione della nostra redazione (redazione@nursetimes.org).

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano diventato il punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie.

Ogni pubblicazione su NurseTimes è spendibile nei concorsi e avvisi pubblici.

Introdotta a metà degli anni quaranta, ma diventata pratica abituale a partire dagli anni 60, l’emodialisi è un procedimento per rimuovere le scorie prodotte dall’organismo e l’eccesso di liquido dal sangue quando la funzionalità renale del malato risulta compromessa dell’85-90%.(www.issalute.it). Il sangue del paziente entra nella macchina dal punto di accesso posizionato sul paziente (fistola, innesto vascolare o linea centrale provvisoria) viene filtrato e poi restituito al paziente. (Piaskowski, 2016).

La fistola artero-venosa del paziente sottoposto a trattamento dialitico deve essere ben funzionante per un esito positivo alla terapia. Il rischio di fallimento dell’accesso è legato ad alcune complicanze (aneurisma, trombosi e stenosi) causate da fattori intrinseci ed estrinseci. A tal proposito è stato condotto uno studio allo scopo di valutare la necessità di implementare piani assistenziali individuali e personalizzati al fine di ridurre l’incidenza di fallimenti dell’accesso vascolare.

L’indagine è stata condotta mediante intervista strutturata diretta ad infermieri e pazienti e consultazione delle cartelle cliniche nell’Unità Operativa di Emodialisi presso l’Azienda Ospedaliera Policlinico Umberto I e nel Servizio di Dialisi presso L’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea, valutando le complicanze dell’accesso, le caratteristiche anagrafiche e le comorbilità del paziente e gli interventi infermieristici attuati. I risultati hanno mostrato concordanze con gli studi presenti in letteratura per quanto riguarda la correlazione tra le tecniche di puntura dell’accesso e l’insorgenza di complicanze.

I risultati hanno evidenziato alcuni fattori di rischio citati e discussi in letteratura e interventi infermieristici non ancora adeguatamente studiati che potrebbero ridurre il rischio di fallimento dell’accesso.

Giorgia Marsella

Tesi: La gestione infermieristica della fistola arterovenosa nei pazienti sottoposti a emodialisi

Tesi infermieristica “Violenza a danno degli operatori sanitari: la De-escalation come mezzo per ridurre il rischio di atti di violenza”
La dott.ssa Marsella presenta la tesi sulla gestione infermieristica della fistola arterovenosa nei pazienti sottoposti a emodialisi
Super infermieri supplenti dei Mmg. La Regione precisa “Supplenza solo organizzativa e non professionale”. La risposta degli Opi lombardi
Super infermieri in sostituzione dei medici di famiglia. Fimmg “irrispettose, se confermate, le dichiarazioni di Moratti”
Cure primarie: in Lombardia gli infermieri sostituiranno i medici. Nursing Up “iniziativa innovativa e lungimirante”
L’articolo La dott.ssa Marsella presenta la tesi sulla gestione infermieristica della fistola arterovenosa nei pazienti sottoposti a emodialisi scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.