NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano divenuto punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie

Sono numerose le tesi di laurea che arricchiscono il nostro progetto editoriale denominato NeXT che permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e a tutti i professionisti della sanità di poter pubblicare la propria tesi di laurea sul nostro portale (redazione@nursetimes.org). 

Ogni pubblicazione su NurseTimes è spendibile nei concorsi e avvisi pubblici.

Riceviamo la tesi della dott.ssa Sara Casoria, laureatasi presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

Titolo della tesi “La gestione infermieristica del Port a Cath e l’impatto del dispositivo sulla qualità di vita del paziente oncologico”

INTRODUZIONE

L’idea di sviluppare il presente lavoro di tesi nasce dall’esperienza di tirocinio clinico effettuata presso l’Unità Operativa Complessa di Oncologia dell’Ospedale “Vincenzo Monaldi” di Napoli.

Il catetere venoso totalmente impiantabile o Port a Cath (abbreviazione PaC) è un presidio largamente utilizzato per i pazienti che necessitano la somministrazione di terapia endovenosa cronica e continuativa; così come il Picc (catetere venoso centrale ad inserzione periferica) ma come si vedrà in questo lavoro di tesi, i pazienti preferiscono il PaC rispetto al Picc. Il primo, presentando un rischio di complicanze inferiore, sembra non incidere in modo significativo sulle attività quotidiane del paziente.

Durante i mesi di tirocinio ho avuto la possibilità di approfondire meglio la gestione infermieristica del catetere venoso totalmente impiantabile e il ruolo dell’infermiere, a mio parere estremamente importante e delicato, nella gestione e nella somministrazione dei farmaci antiblastici.

La gestione infermieristica prevede, oltre alla corretta somministrazione di farmaci antiblastici prescritti, la preliminare osservazione del sito del Port, al fine di individuare precocemente i segni di complicanze in atto, nonché il controllo della pervietà e del corretto funzionamento del dispositivo.

Aldilà dei consueti tecnicismi che la procedura impone, l’infermiere è tenuto a considerare il risvolto psicologico e sociale che tale dispositivo determina sulla qualità di vita della persona assistita. Infatti, l’infermiere in ambito oncologico si trova a percorrere, insieme al paziente, tutte le tappe del trattamento antitumorale, condividendo con lui stati d’animo e sentimenti differenti: dalla disperazione, alla paura di non farcela, al dolore, al senso di impotenza, alla devastazione.

Gli infermieri sono responsabili, al fianco dei medici, dell’educazione del paziente oncologico.

Grazie alla qualità delle informazioni che vengono fornite, è possibile migliorare l’esperienza della persona, la sua conoscenza della malattia, dei rischi e dei benefici relativi alle terapie e alla corretta assunzione dei farmaci, il riconoscimento e i comportamenti da mettere in atto di fronte alle tossicità dei trattamenti.

Proprio per questo motivo nasce il quesito di questa ricerca: ‘Come e quanto incide il Port a Cath nella vita quotidiana di un paziente oncologico?’.

Infatti, l’obiettivo dello studio è capire l’impatto che il dispositivo ha sui pazienti e sulle loro attività quotidiane, se hanno sviluppato complicanze e se il PaC ha avuto un impatto negativo o positivo, sia dal punto di vista psicologico e sia da un punto di vista di ‘comodità’ per affrontare la terapia.

Sara Casoria

Allegato

Tesi: “La gestione infermieristica del Port a Cath e l’impatto del dispositivo sulla qualità di vita del paziente oncologico”

La dott.ssa Casoria presenta la tesi sulla gestione infermieristica del Port a Cath
Tumore prostata, arriva il Bollino Azzurro Onda per 94 strutture
Coronavirus, Simit: “Stiamo passando dalla pandemia all’endemia”
Ulss 3 Serenissima, Cgil: “Servizi a rischio e possibili licenziamnenti con gli appalti in scadenza”
Coronavirus, arriva in Europa il vaccino Novavax: prenotazioni al via anche in Italia
L’articolo La dott.ssa Casoria presenta la tesi sulla gestione infermieristica del Port a Cath scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.