La CNAI – Consociazione Nazionale delle Associazioni Infermiere/i ha chiesto l’immediata revoca della delibera della Regione Veneto in tema di “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario” che attribuisce a tali operatori funzioni proprie della professione infermieristica.

Non appaiono in alcun modo perseguibili fughe in avanti da parte delle Regioni, in particolare per quanto attiene la formazione delle figure di area sanitaria: appare sempre più necessario perseguire l’obiettivo di realizzare un ampio coordinamento e la leale collaborazione, tra amministrazioni centrali e regionali, con il supporto della Associazioni/Società scientifiche infermieristiche, a beneficio della salute e della sicurezza delle cure dei cittadini.

La CNAI ritiene, senza dubbio, indispensabili rapidi interventi volti alla rimodulazione della formazione degli OSS e delle stesse professioni sanitarie infermieristiche.

La graduazione delle funzioni nell’ambito dell’esercizio professionale infermieristico, deve essere attuata in linea con le indicazioni del Consiglio Internazionale degli Infermieri e dell’EFN: dai fondamenti dell’assistenza alle competenze avanzate con prescrizione.

Stefania Mammi: “La delibera di Zaia mortifica migliaia di professionisti”
Testimonianze di infermieri, la storia di Gabrile Modeo
Operatori sanitari non vaccinati, a Lecce in 200 ancora non l’hanno fatto
La CNAI chiede revoca della delibera Veneto “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario”
Padova: nate due bimbe con anticorpi contro il Covid-19 da madri vaccinate
L’articolo La CNAI chiede revoca della delibera Veneto “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario” scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.