Succede a Catania dove un bagnante dopo essere venuto a contatto con la caravella portoghese è stato portato in terapia intensiva

Si tratta di una donna con patologie pregresse che subito dopo il contatto ha manifestato dopo poche ore gravi sintomi come cefalea, vomito, astenia, aritmie, dispnea e lesioni estese sul corpo che ne hanno richiesto il ricovero urgente.

L’animale, che a prima vista potrebbe sembrare una medusa, è in realtà un sifonoro, ovvero una colonia di polipi e meduse che vive galleggiando sulla superficie dell’acqua ma che ha dei lunghi tentacoli che nasconde in acqua e che possono raggiungere i 30 metri di lunghezza.

Il suo nome scientifico è Physalia physalis.

La caravella portoghese in questa stagione estiva si è diffusa nelle acque italiane, soprattutto nei mari siciliani, colpendo diversi bagnanti. Non tutti però manifestano questi sintomi e le reazioni si risolvono in qualche giorno senza ricorrere ai sanitari.

Gli esperti sono tutti d’accordo nel considerare la Caravella portoghese il più pericoloso tra le specie marine che purtroppo si sta diffondendo nei nostri mari,

Redazione NurseTimes

Mega Concorso pubblico in Basilicata per operatori socio sanitari
West Nile e Usutu virus: dall’Iss i dati aggiornati sui casi
Tumore alla prostata: biomarcatori per la diagnosi precoce allo studio in Sardegna
“Il tuo medico di famiglia è irraggiungibile? sta facendo snorkeling nel Mar Rosso?” Il messaggio pubblicitario che fa arrabbiare la Fnomceo
La caravella portoghese manda in terapia intensiva un bagnante
L’articolo La caravella portoghese manda in terapia intensiva un bagnante scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.