La nuova tecnica, sviluppata dai ricercatori della Johns Hopkins University, utilizza bracci meccanici per aiutare persone disabili a recuperare alcuni movimenti.

Una nuova tecnica che consente a un uomo parzialmente paralizzato di nutrirsi, utilizzando bracci robotici collegati attraverso un’interfaccia cervello-macchina. E’ il nuovo progetto sviluppato dai ricercatori della Johns Hopkins University.

Secondo gli studiosi, l’uomo, un 49enne con lesione del midollo spinale, doveva limitarsi a eseguire piccoli movimenti con i pugni per fare in modo che il braccio robotico con forchetta e coltello tagliasse il cibo e glielo portasse alla bocca. “Abbiamo implementato una strategia collaborativa di controllo condiviso per manipolare e coordinare due arti protesici modulari”, si legge nello studio dell’Università. Per i ricercatori “potrebbe avere il dessert entro 90 secondi”. 

Il cuore dell’interfaccia uomo-macchina è composto da un set di micro-elettrodi collegati al cervello, che “ha fornito comandi a entrambi i Modular Prosthetic Limbs, gli arti protesici modulari, per eseguire un’attività che includeva il taglio”. I comandi motori “sono stati decodificati da segnali neurali bilaterali”. Il nuovo metodo è incentrato su un sistema di controllo condiviso che riduce al minimo la quantità di input mentale richiesto per completare un’attività.

La tecnologia è ancora agli inizi. Gli scienziati vogliono aggiungere un feedback sensoriale (simile al tocco). Sperano anche di migliorare la precisione e l’efficienza, riducendo al contempo la necessità di una conferma visiva. A lungo termine il team vede bracci robotici come questi in grado di ripristinare movimenti complessi e di fornire maggiore indipendenza alle persone con disabilità.

Redazione Nurse Times

Violenza infermieri: è necessario agire sulla leva della comunicazione di massa
Cosa è successo nei reparti di Emodialisi durante la pandemia da  COVID-19? Presentazione di uno studio qualitativo fenomenologico
La dott.ssa Farina presenta la tesi “Trapianto di rene: ruolo dell’infermiere nell’assistenza post-trapianto”
Interfaccia cervello-macchina consente di nutrirsi a uomo con lesione spinale
Stenosi aortica, procedura TAVI eseguita con Acurate Neo2 di nuova generazione riduce rischio di rigurgito aortico paravalvolare
L’articolo Interfaccia cervello-macchina consente di nutrirsi a uomo con lesione spinale scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.