Sospensione infermieri senza Pec, l’Ordine di Firenze e Pistoia risponde a Nursind: «Stupisce che il sindacato non conosca le regole che prevedevano la sospensione da luglio 2020» 

Firenze, 16 luglio 2021 – «Lascia stupiti la nota diffusa dal Nursind in merito alla vicenda dei 96 colleghi sospesi dall’Ordine perché non in regola con la Pec. Soprattutto è sorprendente che un sindacato di categoria, quindi interamente dedicato alla professione, non conosca l’iter che c’è alle spalle di questo provvedimento».

A commentare la nota diffusa poco fa dal Nursind è il presidente dell’Ordine degli Infermieri di Firenze e Pistoia, Danilo Massai.

«La legge parla chiaro e prevedeva la sospensione dei colleghi non in regola con la Pec da luglio 2020, un anno fa – continua Massai – .

In quel momento avevamo 8200 infermieri senza Pec su 9000 iscritti. Non li abbiamo sospesi, come chiedeva in Ministero, ma abbiamo attivato una Pec gratuita e avviato una massiccia campagna informativa.

Siamo andati avanti così, assumendocene la responsabilità, anche a fronte di precise circolari FNOPI (la numero 85/2020 e la numero 96/2020) che evidenziano come la mancata adozione dei provvedimenti verso i professionisti senza Pec, costituisse ‘motivo di scioglimento e di commissariamento dell’Ordine inadempiente ad opera del Ministero vigilante sui medesimi’.

Abbiamo invece attivato una lunga serie di azioni informative che si sono protratte per un intero anno, fra mail, newsletter, richieste di collaborazione alle singole aziende sanitarie, comunicati stampa e messaggi social.

A maggio 2021, dopo nove mesi, avevamo 600 professionisti senza Pec e non più 8.200. Abbiamo quindi inviato una lettera di diffida a tutti ed effettuato approfondimenti sui singoli casi, facendo scattare la sospensione per 96 professionisti, mentre altri 400 sono in fase di valutazione.

Ci saremmo aspettati piuttosto un aiuto da parte del sindacato – continua Massai – che invece da mesi ha chiuso gli sportelli a causa del Covid e non ha fornito in questo senso alcun supporto agli infermieri in difficoltà con il rinnovo. Da parte nostra, dopo aver messo a disposizione i nostri uffici e aver contattato i singoli professionisti per un intero anno, non potevamo attendere oltre con la sospensione.

Precisiamo che questa viene comunque revocata non appena il professionista si mette a norma. Proprio ieri 40 infermieri dei 96 sospesi sono stati reintegrati avendo provveduto a dotarsi di Pec, a dimostrazione della rapidità dell’iter».

Gli iscritti sospesi possono reperire sul sito dell’Ordine tutte le informazioni per la procedura relativa alla revoca della sospensione.

Possono annullare la procedura di revoca attivando una propria casella di posta elettronica certificata e comunicarla all’Ordine.

Se vorranno potranno attivare gratuitamente un account PEC attraverso il servizio che l’ordine mette a disposizione al link http://www.opifipt.it/index.php/47-annunci/579-pec-opi-fi-pt.

Il procedimento di revoca della sospensione prevede il pagamento di una quota amministrativa attraverso il portale PagoPA.

Redazione Nurse Times

IRCCS Tumori “Giovanni Paolo II”: confermato lo stato di agitazione del personale
Infermieri. Sileri: “Valutare accorpamento con infermiere pediatrico”
Infermieri senza Pec, Opi Fi-Pt a Nursind: «Stupisce che non conosca le regole che prevedevano la sospensione da luglio 2020»
Asp Siena: avviso pubblico per soli titoli per il conferimento di incarichi a tempo determinato nel profilo di “infermiere” – cat. d
Puglia, Concorso per 566 posti C.p.s infermiere: pubblicate le date della prova orale
L’articolo Infermieri senza Pec, Opi Fi-Pt a Nursind: «Stupisce che non conosca le regole che prevedevano la sospensione da luglio 2020» scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.