Giovedì 2 aprile è andato in scena il primo atto della nostra protesta simbolica: da uno a cinque minuti a braccia conserte per unirci da nord a sud e rivendicare le nostre istanze a tutela della nostra salute.

Coronavirus, Infermieri in Cambiamento pretende risposte concrete e annuncia un’iniziativa simbolica per il 2 aprile.
Abbiamo deciso di rilanciare l’iniziativa ogni giovedì perché gli appelli più volte inviati al governo da parte del presidente FNOMCeO Anelli e della presidente FNOPI Mangiacavalli, nonché da parte dei sindacati, non hanno sortito gli effetti sperati. In alcune aziende si stanno facendo tamponi a tappeto al personale sanitario.

Ma il diritto alla salute per gli operatori sanitari non può valere a macchia di leopardo: si deve adottare la stessa linea ovunque, in tutto il territorio nazionale. Continuiamo ad essere chiamati eroi, ma in realtà ci sentiamo impauriti, impotenti, abbandonati dallo Stato che non ci fornisce le necessarie tutele per la nostra salute.

Il numero dei decessi tra i professionisti sanitari aumenta di giorno in giorno: 77 morti tra i medici e 23 morti tra gli infermieri di cui due suicidi a cui si aggiungono 10mila contagiati.  

“Infermieri in Cambiamento” ritiene necessario innalzare simbolicamente il livello della rivendicazione e ha lanciato un’iniziativa simbolica per la cui riuscita è altrettanto necessario il sostegno e il rilancio da parte di ordini professionali, sindacati e associazioni di categoria.

Giovedì 9 aprile da uno a cinque minuti a braccia incrociate, in tutti i settings di cura, per chiedere SUBITO:

DPI IDONEI: che continuano a scarseggiare!SCREENING DI TUTTO IL PERSONALE SANITARIO: vogliamo sapere se siamo positivi perché non possiamo essere untori dei nostri familiari!INDENNITA’ STRAORDINARIA PER TUTTO IL PERSONALE SANITARIO: estensione dell’indennità di malattie infettive a tutti perché non si può rischiare la vita gratuitamente!COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA: ci sono morti e chi ha sbagliato deve pagare, diversamente da quanto proposto da Salvini nel suo emendamento!E per chiedere, AD EMERGENZA RIENTRATA:

RICONOSCIMENTO IN SEDE DI FUTURI CONCORSI DI UN PUNTEGGIO PRIVILEGIATO PER CHI STA DANDO LA SUA DISPONIBILITA’ CON CONTRATTI “FANTASIOSI”,CONTRATTAZIONE SEPARATA E DISTINTA AL DI FUORI DEL COMPARTO SANITA’ ESATTAMENTE COME ORMAI DA ANNI AVVIENE PER I MEDICI,ASSUNZIONE DEI PROFESSIONISTI DALLE GRADUATORIE E SUPERAMENTO DELLA LOGICA DEL MINUTAGGIO.Ricordiamo quindi:

CHE GIOVEDI 9 APRILE TUTTI GLI INFERMIERI ITALIANI (MA INVITIAMO ANCHE GLI ALTRI OPERATORI SANITARI) INCROCERANNO LE BRACCIA DA 1 A 5 MINUTI CON UN NASTRO COLORATO AL BRACCIO IN SEGNO DI PROTESTA,E invitiamo:

i cittadini italiani ad appendere un drappo colorato alle proprie finestre in segno di solidarietà con i medici e gli infermieri.AADI e COINA sono con noi, attendiamo gli altri!

Non siamo supereroi e non vogliamo pacche sulle spalle, risposte concrete e subito!

Infermieri In Cambiamento
L’articolo Infermieri in cambiamento rilancia l’iniziativa: 9 aprile secondo atto della protesta simbolica scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.