Pubblichiamo questa lettera aperta al Presidente della Federazione russa da parte dei medici, infermieri e paramedici russi per richiedere il cessate il fuoco in Ucraina

Noi, medici, infermieri e paramedici russi, ci opponiamo fermamente alle azioni militari condotte dalle forze armate russe in Ucraina.

Non cerchiamo i colpevoli e non giudichiamo nessuno. La nostra missione è salvare vite umane. È difficile immaginare una professione più umana di quella del medico.

E ora, in questo momento difficile per entrambi i Paesi, chiediamo l’immediata cessazione delle ostilità e la risoluzione di tutte le questioni politiche esclusivamente con l’utilizzo di mezzi pacifici.

Come sempre, non dividiamo le persone in amici e nemici. Abbiamo giurato di aiutare qualsiasi essere umano, indipendentemente dalla nazionalità, religione od opinione politica.

Ma oggi il nostro aiuto non basta. La guerra porterà via molte vite e ne segnerà altrettante che, nonostante tutti gli sforzi possibili, non avremo il tempo di aiutare. Tutti urleranno di dolore e lo grideranno alle proprie madri nella stessa lingua.

Qualsiasi proiettile o qualsiasi pallottola, anche se non raggiunge il bersaglio e non toglie la vita a qualcuno, porta comunque paura, panico e dolore. Dolore che spezza il cuore. In questo momento il cuore di tutte le persone sta soffrendo: quello dei civili, dei soldati, delle madri, delle mogli dei soldati e dei bambini. Nessuno merita questa paura. Nessuno merita di essere ucciso o ferito che sia accidentalmente o intenzionalmente.

I nostri parenti, amici, pazienti e colleghi si trovano nei territori attaccati. Non c’è una sola persona tra loro che trarrebbe beneficio da questo spargimento di sangue.

Non possiamo stare lontani dal dolore e dalla sofferenza che aumentano di minuto in minuto.

La vita umana non ha prezzo. Essere uccisi in un’azione militare è un attimo, mentre le cure e la guarigione delle vittime possono richiedere anni. Pagheremo il prezzo di questa guerra per molti anni a venire. Non importa se l’uso di armi è giustificato, sono mortali e causano dolore e sofferenza.

Pertanto, manteniamo il nostro giuramento e un atteggiamento umano e paritario nei confronti di tutte le vite, ma chiediamo l’immediata sospensione di tutte le operazioni che implicano l’uso delle armi.

Redazione Nurse Times

Fonte: https://madmed.media/open-letter/

Infermieri e medici russi chiedono la fine delle ostilità in Ucraina
Guerra in Ucraina: chiesta la disponibilità a infermieri, medici e tutte le professioni sanitarie per assistere i profughi
Tesi infermieristica “Il Surpass e la promozione della resilienza: nuovi paradigmi dell’oncologia pediatrica”
Le “marachelle” del Comitato Centrale della Fnopi con la combriccola del caffè pagato
Coronavirus, Tar Lombardia rimette in discussione la sopensione dei sanitari non vaccinati
L’articolo Infermieri e medici russi chiedono la fine delle ostilità in Ucraina scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.