Secondo le ultime statistiche gli infermieri americani guadagnano mediamente fino a 110mila dollari all’anno, cioè circa 90mila euro.

In South Dakota, lo Stato americano in cui gli infermieri guadagnano meno, lo stipendio medio annuo è di $59,540 (con una media oraria di $28.63). La California, invece, sembrerebbe essere la miniera d’oro dei professionisti della sanità. Infatti, lì un infermiere guadagna annualmente, in media, $113,240 ($54.44 all’ora).

In generale, comunque, il guadagno annuo varia tra i $70,000 e gli $80,000.

Gli stipendi degli infermieri, naturalmente, variano dal tipo di qualifica dello stesso infermiere, dal livello e dalle pregresse esperienze. Gli infermieri registrati nella pratica avanzata (APRN) come infermieri professionisti possono tutti aspettarsi di guadagnare gli stipendi più alti nel settore dell’assistenza sanitaria degli USA.

Gli infermieri vedranno tipicamente aumenti salariali quando proseguiranno la loro istruzione. Gli infermieri americani che hanno conseguito la laurea specialistica (BSN) tendono a guadagnare più degli infermieri che hanno conseguito solo la qualifica “Associate’s degree in Nursing (ADN)”. Ovviamente, gli infermieri preparati con master e dottorati, di solito, guadagnano stipendi ancora più alti.

Infermieri americani: guadagnano fino a 110mila dollari all’anno
Asl Barletta Andria Trani: concorso per infermiere dirigente. Al via le domande
Smartphone e possibile rischio per pacemaker e defibrillatori
Le crisi epilettiche non danneggiano irreversibilmente il cervello
AstraZeneca: per la seconda dose, usare lo stesso vaccino

L’articolo Infermieri americani: guadagnano fino a 110mila dollari all’anno scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.