Un episodio di civiltà e gratitudine si è verificato questo pomeriggio presso il Supermercato Esselunga di Moncalieri, quasi a voler cancellare i due sgradevoli episodi dei quali sono state vittime due infermiere che hanno voluto utilizzare il loro diritto a poter saltare le chilometriche code di carelli.

Coronavirus: niente più code chilometriche al supermercato per infermieri, medici e oss. Priorità per i professionisti della salute
Anche il punto vendita in provincia di Torino ha realizzato una corsia preferenziale per tutti quei professionisti della salute impegnati quotidianamente nella lotta contro il Coronavirus. Un’infermiera ha voluto “approfittare” di questa opportunità oggi pomeriggio, quasi scusandosi di fronte alla lunga fila di clienti regolarmente distanziati tra loro.

L’infermiera, originaria di Nichelino, ha chiesto con gentilezza di poter saltare la fila, specificando che avrebbe dovuto iniziare a breve il proprio turno di lavoro in ospedale. Al contrario di quanto accaduto ad altre colleghe nessuna obiezione è stata sollevata dai presenti, che al contrario l’hanno accolta con un lungo applauso e molti complimenti.

Milano: la comunità cinese produce e regala migliaia di mascherine alla cittadinanza direttamente in cassetta postale
Alcuni cittadini si sono offerti di aiutare la donna a fare la spesa, per permettere di velocizzare gli acquisti in vista dell’imminente inizio del turno in reparto.

Non sono mancati i ringraziamenti dei cittadini e dei commessi durante la veloce spesa fatta dall’infermiera, segno del grande affetto della popolazione nei confronti dei professionisti della salute che combattono contro il Covid-19.

Dott. Simone GussoniL’articolo Infermiera salta la coda all’Esselunga: un coro di ringraziamenti e applausi per lei dai presenti scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.