La Procura di Treviso ha mosso le accuse di omissione di atti d’ufficio e falso nei confronti di una infermiera di 55 anni che avrebbe erroneamente infilato nel braccio di un carabiniere l’ago di una siringa per vaccinarlo senza iniettare, però, il siero. L’infermiera svolgeva il suo servizio da volontaria al centro vaccinale di Lughignano a Casale sul Sile (Treviso).

La donna, che alle spalle ha 30 anni di carriera irreprensibile, è stata temporanemente sospesa dall’attività vaccinale. L’infermiera, che come precedentemente specificato, era volontaria, nega con forza di essere una no-vax.

I Nas dei carabinieri hanno proceduto all’indagine dell’operato dell’infermiera e al sequestro di tutte le siringhe usate quel giorno.

Bisogna verificare se l’accaduto sia stato una disattenzione o un atto soloso. Tuttavia, la donna, si è difesa dicendosi grande stostenitrice della campagna vaccinale, lo stessofanno la Usl 2 e l’Ordine delle professioni infermiristiche.

“Ero certa di aver fatto tutto modo corretto. Quel giorno ho fatto centinaia di iniezioni e l’unica spiegazione che trovo è che nell’automatismo del gesto e per colpa della stanchezza mi sia sfuggito di premere fino in fondo lo stantuffo” ha detto l’infermiera.

Oltre 100 ceppi di coronavirus sequenziati al Policlinico di Bari
Visite in Rsa: le linee guida dalle Regioni
Terza dose? Tra gli infermieri tante reinfezioni
Campagne di prevenzione false, sequestri per oltre 209.000euro
Infermiera getta siringa senza iniettare il siero, accusata si difende: “colpa della stanchezza”
Fonte: Il Gazzettino (S. De Salvador, M, Favaro)
L’articolo Infermiera getta siringa senza iniettare il siero, accusata si difende: “colpa della stanchezza” scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.