Gli infermieri e i medici impiegati in Puglia sono portati allo stremo delle forze a causa della mancanza di personale ospedaliero. Regione e Asl provano a correre ai ripari predisponendo avvisi pubblici che vanno, tuttavia, costantemente a vuoto.

Secondo stime sindacali, negli ospedali pubblici pugliesi mancano almeno 6mila tra infermieri e medici, rivela “la Repubblica”. Ma la carenza potrebbe essere anche molto più alta.

A marzo 2020, prima della pandemia, negli ospedali pubblici pugliesi si contavano 9.047 unità di dirigenza (medici) e 31.205 unità del comparto (medici, tecnici, oss) per un totale di 40.252 dipendenti. “A questo dato — dicono negli uffici regionali — vanno aggiunti altri 4mila operatori assunti nel periodo Covid. Quanto alla carenza di personale, la Regione non fornisce numeri certi. Una stima la danno i sindacati. Saverio Andreula fa notare che rispetto al fabbisogno reale mancano circa 4mila infermieri.

I motivi alla base di questa carenza di personale sono vari. Prima di tutto c’è un problema di carattere storico: per anni la Puglia ha subito il blocco del turnover. Poi c’è un problema a monte: la carenza di nuovi medici che vengono sfornati ogni anno dalle università e dalle specializzazioni. Carenza di personale che deriva a propria voltada una mancanza di borse di studio. Però c’è anche un problema a valle ed è rappresentato dalla scarsa attrattività contrattuale e organizzativa che può offrire il sistema sanitario pugliese ai nuovi medici.Scrive A. Cassano su “la Repubblica”

“Ormai questa storia della carenza di personale è diventata un ritornello stancante e troppo noto — fa notare Giuseppe Pasqualone, direttore generale dell’Asl di Brindisi — Ne cerchiamo 100 e ne troviamo sette o otto, quando va bene”. Stefano Rossi dell’Asl di Taranto rincara la dose: “Il percorso formativo non è sufficiente a sfornare la quantità di medici necessaria per l’aspettativa di salute che già c’era prima, figuriamoci ora in tempi di Covid. Il fabbisogno è esploso”.

Sull’ipotesi di un più ampio “scudo penale” per tutti gli operatori sanitari nell’emergenza
Infermiere muore in un tragico incidente dopo essere smontato dal turno di notte, aveva 45 anni
Scudo penale, per Filippo Anelli è una “soluzione minimale”
Fnopi su manifestazione di Roma contro l’obbligatorietà vaccinale: subito verifiche e massimo rigore degli ordini professionali
Aifa: per Vaccino Pfizer e Moderna intervallo seconda dose fino a 42 giorni
Fonte: La Repubblica (A. Cassano)
L’articolo In Puglia mancano 6mila medici e infermieri per la gestione dell’emergenza scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.