I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) americani, utilizzando “Vaccine Adverse Event Reporting System” e dati di segnalazione volontaria “V-safe”, hanno descritto il tasso di anafilassi dopo la ricezione dei vaccini mRNA contro il COVID-19 come 4,5 casi per milione di dosi somministrate, con l’89% che si verificano entro il periodo di osservazione di 15-30 minuti.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice.

Il dato è paragonabile ai tassi di anafilassi con altri vaccini, tra cui il vaccino influenzale inattivato (1,4 per milione), il vaccino polisaccaridico pneumococcico (2,5 per milione) e il vaccino vivo attenuato vaccino contro l’herpes zoster (9,6 per milione).

Tuttavia, i dati prospettici di coorte di oltre 60.000 dipendenti del Mass General Brigham (MGB) hanno rilevato un tasso di incidenza più elevato di anafilassi nei vaccini mRNA COVID-19 a 2,47 per 10.000 vaccinazioni.

La marcata differenza nei tassi di incidenza osservati probabilmente si riferisce alla cattura CDC incompleta dei casi, sebbene la coorte MGB possa avere un tasso più alto di alcune popolazioni statunitensi a causa di effetti demografici o geografici.

Alla data di pubblicazione dello studio, più di 46 milioni di persone negli Usa erano già state completamente vaccinate.

Il tasso di anafilassi dopo la ricezione dei vaccini mRNA contro il COVID-19
Andreula (Opi Bari): infermiere ex professione sanitaria infungibile
Codice Deontologico Infermieri: ora è per tutti. La consegna al Ministro Stefani
Nursing Up: “Alveo autonomo di contrattazione e vera libera professione: il nostro futuro passa da qui”
APS- Pediatric Nurse Power Italy
L’articolo Il tasso di anafilassi dopo la ricezione dei vaccini mRNA contro il COVID-19 scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.