Sulla nota applicazione circola un messaggio che invita a scaricare il certificato da un link fasullo.

La polizia postale mette in guardia i cittadini su quella che, a tutti gli effetti, una truffa sul Green Pass. Un raggiro ideato per entrare in possesso di dati personali e coordinate bancarie, che ha preso a circolare su WhatsApp dopo che il governo Draghi ha introdotto l’obbligo della Certificatazione verde Covid-19 per accedere a numerosi servizi, in vigore da venerdì 6 agosto.

Il testo del messaggio su WhatsApp recita: “In questo link puoi scaricare il certificato verde Green Pass COVID-19, che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina”. Chi ci casca e clicca sul link accede a una finta pagina istituzionale, con tanto di loghi contraffatti, molto simili agli originali. Nella pagina si chiede al malcapiatato utente di inserire i propri dati personali e bancari, utilizzati poi con scopi fraudolenti. Oltre che sul canale WhatsApp, altre truffe stanno circolando via mail, e sul dark web sarebbero già in vendita Green Pass contraffatti al costo di circa 100 euro.

La raccomandazione è quella di scaricare il certificato solo attraverso i canali ufficiali messi a disposizione dal Governo. Qualsiasi messaggio sospetto va segnalato sul portale della polizia postale (www.commissariatodips.it).

Redazione Nurse Times

Napoli, quando si manifestava per reclamare il vaccino (non per rifiutarlo)
Vaccini anti-Covid, Spagna valuta ricorso a terza dose: dibattito aperto
Agenas: “Tornano a crescere le percentuali di posti letto occupati dai pazienti Covid”
Green Pass, occhio alla truffa su WhatsApp: dati personali a rischio
No vax, caos Burioni-Codacons: la posizione della Fnomceo
L’articolo Green Pass, occhio alla truffa su WhatsApp: dati personali a rischio scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.