“C’è una minoranza di persone che quando viene a fare il tampone protesta e minaccia”.

Così Andrea Cicconetti, segretario Federfarma Roma e consigliere Federfarma Lazio, ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta“, su Radio Cusano Campus che sottolinea poi che con gli attuali 15 euro a tampone “ci stiamo stretti perché i costi di gestione e di smaltimento e il tempo che impieghiamo nell’inserimento del dato sono notevoli.

Il commissario Figliuolo ci ha chiesto anche di fare un’opera di persuasione su cui non si vuole vaccinare. Non è facile. Ci chiedono l’impossibile e ci stiamo impegnando al massimo”.

Cicconetti ha poi espresso “solidarietà” al presidente nazionale di Federfarma Marco Cossolo per le minacce di morte ricevute.

“Purtroppo – ha dichiarato – in questo clima capita anche questo. La maggior parte della gente fa il tampone senza problemi ma c’è sempre quell’1% di personaggi un po’ violenti. Questa gente poi spopola sui social”. Infine sul profilo di chi fa il tampone, l’80% è gente non vaccinata, poi ci sono anche persone vaccinate da poco ancora senza green pass e infine ci sono persone che fanno tamponi per controlli di routine. (Ansa)

Ultimi articoli pubblicati

Colpo di scena: l’ex infermiera Poggiali viene assolta e scarcerata
Ictus ischemico da fibrillazione atriale, dati indicativi di sicurezza per un avvio precoce di una terapia con anticoagulanti orali diretti
Covid, Vaccinati e non vaccinati: i dati Iss
Green pass: Federfarma, minacce quando si eseguono tamponi
Aids: disponibile primo anticorpo monoclonale a lunga azione
L’articolo Green pass: Federfarma, minacce quando si eseguono tamponi scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.