Mercoledì 12 maggio, nella giornata internazionale dell’infermiere, alle ore 10 Unione Sindacale di Base (UBS) sarà insieme agli infermieri della graduatoria del Sant’Andrea in piazza Oderico da Pordenone, davanti alla Regione Lazio, per sostenere e rivendicare l’assunzione stabile dei circa 2400 idonei rimasti.

“È metà maggio, fa sapere UBS, – e l’organismo preposto ad approvare lo stanziamento economico per i fabbisogni occupazionali delle aziende sanitarie e ospedaliere e l’istituzione dell’infermiere di comunità, non dà ancora cenni di vita”.

“L’unico atto ufficiale finora è stato irrigidire le modalità di chiamata e gestione delle graduatorie di idonei. Esattamente come avrebbe fatto il miglior direttore generale di un’azienda privata” scrive il sindacato e aggiunge che “è fondamentale assumere tutti e tutte a tempo indeterminato senza perdere nessuna professionalità per la strada delle gestioni azzardate“.

USB, infine, ribadisce le assunzioni stabili “sono parte fondamentale del processo di garanzia del diritto alla salute”.

Il caso di Carrara, 4 le dosi di vaccino somministrate alla 23enne
Non è necessaria nuova formula vaccino Pfizer contro le varianti
Giornata internazionale dell’infermiere, presidio USB alla Regione Lazio: “basta chiacchiere”
12 maggio 2021 Giornata Internazionale dell’infermiere: gli eventi di Rete Smash
La provincia dell’Aquila si illuminerà di verde per la Giornata Internazionale dell’Infermiere
L’articolo Giornata internazionale dell’infermiere, presidio USB alla Regione Lazio: “basta chiacchiere” scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.