Lydia e Timothy Ridgeway potrebbero aver superato il precedente primato, che era di 27 anni.

Nati in Oregon tre settimane fa, i gemelli Lydia e Timothy Ridgeway potrebbero aver stabilito un nuovo record: secondo il National Embryo Donation Center di Knoxville (Tennessee), sarebbero i bambini nati vivi dagli embrioni più vecchi. Embrioni congelati ben 30 anni fa, per l’esattezza il 22 aprile 1992, e conservati su minuscole cannucce in azoto liquido a quasi 200 gradi sotto zero, in un dispositivo che somiglia a un serbatoio di propano. Se di record si tratta, è stato sottratto a Molly Gibson, nata nel 2020 da un embrione congelato per quasi 27 anni, che a sua volta aveva superato il primato della sorella Emma, nata da un embrione congelato per 24 anni.

“C’è qualcosa di sbalorditivo in tutto questo – ha detto Philip Ridgeway, il padre –. Avevo cinque anni quando Dio ha dato la vita a Lydia e Timothy, e da allora sta preservando quella vita. In un certo senso, sono i nostri figli più grandi, anche se sono i più piccoli”. La famiglia ha infatti altri quattro figli, di otto, sei, tre e quasi due anni, concepiti senza ricorrere a fecondazione assistita o a donatori. “Non abbiamo mai avuto in mente un numero fisso di figli che avremmo voluto avere – ha aggiunto Philip –. Abbiamo sempre pensato che ne avremmo avuti quanti Dio voleva darcene. E quando abbiamo sentito parlare dell’adozione di embrioni, abbiamo pensato che fosse una cosa che ci sarebbe piaciuto fare”.

Gli embrioni sono stati creati tramite fecondazione in vitro e conservati in un laboratorio di fertilità della costa occidentale fino al 2007. Inizialmente erano destinati a un’altra coppia, rimasta anonima, che però ha deciso di donarli al National Embryo Donation Center, nella speranza che qualcun altro potesse utilizzarli. Il nome medico del processo a cui si sono sottoposti i Ridgeway è “donazione di embrioni”, anche se molti lo chiamano “adozione di embrione”.

A tal proposito l’American Society for Reproductive Medicine ha voluto fare chiarezza: “L’applicazione del termine ‘adozione’ agli embrioni è imprecisa, fuorviante, e potrebbe comportare oneri per i riceventi e dovrebbe essere evitata”. Adozione e donazione non sono infatti la stessa cosa, come precisato dal dottor Sigal Klipstein, specialista della fertilità e presidente del comitato etico dell’American Society for Reproductive Medicine: “L’adozione si riferisce a bambini vivi. È un processo legale, attraverso il quale si crea un rapporto genitore-figlio che prima non esisteva. La donazione di embrioni è invece una procedura medica”.

Redazione Nurse Times

Giovanni “Vi presento l’Anin, l’associazione degli infermieri di neuroscienze”
Tumore al seno, Aifa approva tucatinib come terza linea di trattamento per la fase avanzata
Gemelli da record negli Usa: sono nati da embrioni congelati 30 anni fa
Cassino, mangia panino con dentro due chiodi: cliente di un fast food operato d’urgenza
Roma, eseguirono 18 interventi su una gamba sana e ne causarono l’amputazione: medici condannati a risarcimento di 383mila euro
L’articolo Gemelli da record negli Usa: sono nati da embrioni congelati 30 anni fa scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.