Lo stabilisce un emendamento appena approvato e riguardante l’articolo 10 della Legge Gelli. La disposizione decorre dal triennio formativo 2023-2025.

Un emendamento approvato dalla Commissione Bilancio e tesoro della Camera in sede di conversione in legge del DL 152/2021 (“Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”) stabilisce che, per beneficiare della copertura assicurativa delle polizze di rischio professionale, medici e infermieri dovranno essere in regola con almeno il 70% degli obblighi formativi previsti dal piano di formazione continua dell’ultimo triennio.

L’emendamento riguarda l’articolo 10 della Legge 8 marzo 2017, n. 24 (Legge Gelli), che prevede l’obbligo assicurativo per gli esercenti la professione sanitaria operanti a qualunque titolo in strutture sanitarie e/o sociosanitarie pubbliche o private, e per chiunque presti la professione sanitaria a qualunque titolo in strutture sanitarie o sociosanitarie pubbliche o private. La disposizione decorre dal triennio formativo 2023-2025.

Redazione Nurse Times

Bisfenolo A (Bpa), Efsa: “Abbassare la soglia di sicurezza”
Prostatite: tutto quello che c’è da sapere
Falsi Green Pass: sotto attacco i sistemi di sicurezza informatica di 6 Regioni
L’infermiere Michele Cozza riceve l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana
Puglia, sarà Rocco Palese il nuovo assessore alla Sanità
L’articolo Formazione continua, bisogna essere in regola col 70% dei crediti per beneficiare della copertura assicurativa scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.