Rilanciamo un articolo del Sole 24 Ore contenente le dichiarazioni del presidente Nino Cartabellotta.

Cinque richieste al nuovo Governo e in particolare al ministro della Salute, Roberto Speranza, per mettere in sicurezza il Servizio sanitario nazionale. A lanciarle è la Fondazione Gimbe, think thank di politica sanitaria che parte da un dato drammatico: quei 37 miliardi di euro sottratti al Ssn tra definanziamento e tagli nel periodo 2010-2019. «Negli ultimi anni – spiega il presidente Gimbe, Nino Cartabellotta (foto) – tutti i Governi hanno contribuito a sgretolare quella maestosa opera pubblica che è il Ssn, nato per tutelare la salute delle persone. Al nuovo Esecutivo impegnato nell’aggiornamento del Def e soprattutto nella stesura della Legge di bilancio, chiediamo di invertire nettamente questa tendenza». Come? Con una ricetta che “mixa” cambio di passo culturale e azioni concrete.

Cinque richieste al Governo Le richieste sono rivolte al ministro Speranza in primis, ma a tutto l’Esecutivo, perché è indubbio il peso che il Mef avrà nella partita, si chiede di passare dalle dichiarazioni d’intenti della prima ora («preservare e rilanciare la sanità pubblica e universalistica e rifinanziare il Ssn» e «lanciare un piano straordinario di assunzioni di medici e infermieri») alla «reale consapevolezza che – avvisano da Gimbe – servono volontà politica, investimenti rilevanti, un programma di azioni a lungo termine e innovazioni di rottura».

Patto della salute in standby Priorità assoluta sarà trovare la quadra sul Patto per la salute 2019-2021 tra Governo e Regioni, ancora in stand-by malgrado l’ultima manovra finanziaria abbia vincolato alla sua stipula l’aumento del Fondo sanitario nazionale: 2 miliardi nel 2020 e 1,5 miliardi nel 2021 che rischierebbero di saltare senza un accordo. Occorre poi blindare le risorse per la sanità, saccheggiata nell’ultimo decennio di crisi perché più facilmente aggredibile di altri capitoli di spesa pubblica, come le pensioni. «Va rilanciata – spiega Cartabellotta – la mozione presentata lo scorso luglio dalla presidente della commissione Affari sociali della Camera, Marialucia Lorefice (M5S), che ha fatto proprie le nostre istanze chiedendo al Governo di definire una soglia minima del rapporto spesa sanitaria / Pil (scenderà al 6,4% nel 2022, ndr) e un incremento percentuale annuo del Fondo sanitario nazionale pari ad almeno il doppio dell’inflazione. Solo così si riuscirà davvero a programmare e a pianificare».

Medici e infermieri da rimotivare
A cominciare dal personale, che ai 37 miliardi di tagli ha
contribuito per oltre il 50% tra blocco del turnover e mancato rinnovo del
contratto. Medici e infermieri che certo, come hanno annunciato il ministro
Speranza e il premier Conte, vanno adeguatamente “rimpiazzati”, ma soprattutto
motivati con retribuzioni allineate agli standard europei. L’alternativa è la fuga dall’Italia, già in
atto, di almeno 1.500 professionisti l’anno, solo a guardare i camici bianchi. Perché tutto
questo sia possibile servono investimenti e quindi una netta inversione di
rotta: a fronte dei tagli, in termini assoluti il finanziamento pubblico in 10
anni è aumentato di appena 8,8 miliardi, con una media dello 0,9% l’anno,
inferiore al tasso dell’inflazione media annua. Basti pensare che nel 2018 la
differenza tra la spesa pubblica per la sanità tra Germania e Italia è stata di
2.511 dollari pro capite, cioè 5.056 dollari a fronte dei 2.545 nostrani.

La doppia
scommessa Nadef e Legge di bilancio
Il programma di Governo – precisano da Gimbe – non prevede esplicitamente il
rilancio del finanziamento pubblico per il Ssn. Ma il piano di rifinanziamento e di corretta allocazione della spesa non può
attendere: la Nadef e la Legge di bilancio sono due traghetti da
prendere al volo. Secondo le stime della Fondazione, ad esempio, l’eventuale
attuazione della “quota 10” proposta dal Partito Democratico – 10 miliardi di
investimenti in più nei prossimi tre anni – dovrebbe portare a un aumento del
rapporto spesa sanitaria / Pil dello 0,2-0,3%, almeno per ciascuno degli anni
2020-2022.

Tagliare i rami secchi e guardare ai risultati
Ma non finisce qui. Contemporaneamente – è la tesi della Fondazione Gimbe – la
spesa va riqualificata per aumentare il ritorno in termini di salute (value for money) delle risorse investite
in sanità. Che significa: ridefinire il perimetro dei livelli essenziali di
assistenza – un libro dei sogni aggiornato tre anni fa ma in buona parte
inattuato – sulla base dell’efficacia; disinvestire da sprechi e inefficienze;
integrare spesa sanitaria e spesa sociale d’interesse sanitario per arrivare a
definire un fabbisogno socio-sanitario nazionale; rivedere la spesa fiscale per
detrazioni e deduzioni per spese sanitarie e contributi versati a fondi
sanitari e società di mutuo soccorso, una volta fatta che sarà stata fatta la
riforma della sanità integrativa.

Redazione
Nurse Times

Fonte: Il Sole 24 Ore

L’articolo Fondazione Gimbe: “Cinque richieste al nuovo Governo per mettere in sicurezza il Ssn” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.