Diversi i temi affrontati dal Meeting di Rimini in corso in queste giornate

“Oggi la professione infermieristica, che negli atenei è la più numerosa (circa il 45% degli iscritti nelle facoltà mediche), ha un numero troppo basso di docenti-infermieri: il rapporto docenti/studenti è 1:1.350 contro, ad esempio, un rapporto di 1:6 per la facoltà di odontoiatria. Per abilitare i professori necessari ci vorrà anche un investimento relativo di circa 1,7 milioni l’anno, ma è necessario che per una formazione di livello avanzato sia previsto anche un diverso sviluppo del corpo docenti”. É quanto affermato dalla presidente della Fnopi Barbara Mangiacavalli durante il think tank sulla formazione delle professioni al Meeting Salute in svolgimento a Rimini da ieri al 24 agosto.

“Gli obiettivi di tutto questo – spiega Giancarlo Cicolini, del Comitato centrale della FNOPI – sono di mantenere la continuità dell’assistenza e l’applicazione dei percorsi clinico-assistenziali, garantire appropriatezza dei trasferimenti nelle diverse aree di intensità (alta – media-bassa intensità), migliorare i percorsi di dimissione dei pazienti, integrare al massimo ospedale e territorio, utilizzare in modo razionale le risorse rispetto alla tipologia di paziente e al suo piano di dimissione, valutare i pazienti proposti per il trasferimento da altre unità operative ad altre aree”.

“D’altra parte – aggiunge Cicolini – sono gli stessi infermieri che nella loro formazione chiedono di salire gradini più alti. Una recente indagine Almalaurea, consorzio interuniversitario che analizza ogni anno le condizioni e le aspettative dei laureati, ha evidenziato che Il 65,1% degli infermieri con laurea triennale intende proseguire gli studi, nel 17,% dei casi con la laurea magistrale e nel 33,9% con i master e tra quelli con laurea magistrale il 37,3% intende proseguire gli studi con un master o altro corso di perfezionamento (qui si inseriscono le specializzazioni), mentre il 13,5% con il dottorato di ricerca”.

La formazione ECM

Nella formazione poi un ruolo essenziale soprattutto per garantire qualità assistenziale ai pazienti è l’aggiornamento continuo (ECM, educazione continua in medicina). E di questo la FNOPI si fa garante: ma maggio 2019 ha istituito – prima tra le professioni – una Rete omogenea di referenti per garantire che tutti gli infermieri perseguano l’aggiornamento continuo, valorizzare le esperienze consolidate negli ordini provinciali, condividerle e metterle a disposizione di tutti.

“La FNOPI – spiega Mangiacavalli – ha sempre tenuto nella massima considerazione l’aggiornamento e il ruolo degli infermieri nel sistema Ecm tanto che abbiamo voluto inserire nel recente, nuovo Codice deontologico un articolo ad hoc secondo cui ‘l’Infermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate dalla comunità scientifica e aggiorna le competenze attraverso lo studio e la ricerca, il pensiero critico, la riflessione fondata sull’esperienza e le buone pratiche, al fine di garantire la qualità e la sicurezza delle attività. Pianifica, svolge e partecipa ad attività di formazione e adempie agli obblighi derivanti dal programma di Educazione Continua in Medicina’, in modo tale da chiarire bene a tutti come la professione si pone nei confronti dell’Ecm, a garanzia dei pazienti”.

Si è anche parlato di sviluppo delle competenze manageriali ma anche cliniche.

Redazione NurseTimes
L’articolo Fnopi denuncia: rapporto docenti-infermieri troppo basso negli atenei scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.