Rosaria Mastronardo è malata da sette anni di fibromialgia, una malattia di cui si sa molto poco e che non è riconosciuta dal Servizio Sanitario Nazionale come malattia cronica.

“Noi malati ancora non abbiamo dei percorsi di diagnosi e di assistenza chiari anche perché, come spesso ci viene detto, non è affatto facile quantificare il dolore, che però per noi è alto, continuativo, spesso insopportabile. Io stessa non ho ricevuto subito la diagnosi di fibromialgia ma abbiamo dovuto procedere per esclusione” ha detto Rosaria a osservatoriomalattierare.it.

La fibromialgia, chiamata anche sindrome fibromialgica, è una malattia comune, che colpisce circa 2 milioni di Italiani. La sindrome è caratterizzata, spiega Marco Broggini, reumatologo, su humanitas-care.it, da rigidità e dolore muscolo-scheletrico diffuso. Il dolore ha una origine spesso difficile da individuare: può essere superficiale (cutaneo), muscolare, tendineo, profondo (osseo) e si associa a contrattura muscolare dolorosa. I pazienti fibromialgici presentano  specifiche aree simmetriche del corpo molto dolorose alla pressione con le dita (tender points), molto tipiche e che sono assenti nei pazienti affetti da altre patologie reumatiche. 

“Sono socia di Cittadinanzattiva e del Coordinamento Toscano dei Gruppi di Auto Aiuto e ho contribuito, previa formazione avvenuta presso il Coordinamento, alla nascita di un gruppo di auto aiuto per le persone con fibromialgia” ha spiegato Rosaria. 

Un primo gruppo di supporto è nato, infatti, a Firenze nel 2018 ed è denominato “Fibromialgia: Affrontiamola insieme“. Con la pandemia gli incontri si sono svolti online, questa situazione ha aiutato a trovare persone oltre il confine geografico fiorentino. Così, è nato un secondo gruppo online con persone da tutta Italia: “un chiaro segnale che il metodo funziona”.

Il prossimo 12 maggio sarà la Giornata Mondiale della Fibromialgia, un’occasione per “fare finalmente un salto avanti concreto nella cura e nell’assistenza di noi malati. C’è ancora molto da fare per garantirci una vita dignitosa e un’adeguata qualità della vita. Anche alcune buone iniziative – sottolinea ancora Rosaria – come la delibera n. 1311 del 28.10.2019, che conteneva ottime indicazioni, come l’attuazione di un percorso regionale di presa in carico, è rimasta lettera morta. Aiutateci, perché questo dolore non ci permette di vivere!”.

Fibromialgia: “Aiutateci, perché questo dolore non ci permette di vivere”
Minorenni annoiati rubano ambulanza mentre i sanitari soccorrono paziente in gravi condizioni
Anticorpo bispeficico efficace nella lotta al Coronavirus
Marianna, infermiera, ha incontrato il marito in un letto nel reparto Covid
Abolito l’esame di stato dopo la laurea per le professioni mediche
L’articolo Fibromialgia: “Aiutateci, perché questo dolore non ci permette di vivere” scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.