La procura di Ferrara ha iscritto al registro degli indagati il dottor Alberto Dallari, medico di Reggio Emilia che ha preso in carico il paziente ferrarese morto con Covid-19, 68 anni, non vaccinato, che era stato inizialmente curato via telefono e via email prima di essere ricoverato in ospedale.

Le ipotesi accusatorie sono quelle di colpa medica e omissione di soccorso. Quello firmato dal pm Ciro Alberto Savino, che già aveva aperto un fascicolo conoscitivo sul caso, è un atto dovuto, anche in vista dell’autopsia, in programma domani a Padova, da cui si attendono ulteriori risposte sulla vicenda.

La squadra mobile della polizia di Reggio Emilia ha sequestrato al medico, in pensione, che ha lavorato come volontario, pc e telefoni per ricostruire i contatti avuti col paziente. L’indagine della procura ferrarese servirà anche a far luce sul coinvolgimento dell’associazione Ippocrateorg, alla quale il medico è legato, la stessa del convegno in Senato sulle cure domiciliari che nelle scorse settimane aveva scatenato una bufera politica.

Ultimi articoli pubblicati

Infermieri: gli scivoloni della FNOPI tra elezioni e aumento quota associativa
Osteoporosi: nuovo test diagnostico per valutare la struttura dell’osso
Ferrara: deceduto no vax dopo cure telefoniche, medico indagato
Speranza, “Costruire Unione europea della Salute” Lavorare per assicurare vaccini e cure
Mieloma multiplo, Sanofi: “Allo studio terapie innovative”
L’articolo Ferrara: deceduto no vax dopo cure telefoniche, medico indagato scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.