La tiroide è una ghiandola posta (VEDI ARTICOLO TIROIDE) alla base del collo la cui funzione princi­pale è quella di produrre due tipi di ormoni, l’ormone tiroxina chiamato anche T4 e l’ormone triiodotironina chiamato anche T3.

Questi ormoni lavo­rano insieme al mantenimento dell’equilibrio e della crescita del nostro orga­nismo oltre che allo sviluppo dell’energia sotto forma di calore.

Gli ormoni tiroidei sono molecole in grado di regolare il metabolismo (il modo in cui il corpo usa l’energia assunta con la dieta) di ogni organo del corpo, oltre ad avere influenze su:

sviluppo cerebrale,respirazione,cuore,sistema nervoso,temperatura corporea,forza muscolare,secchezza della pelle,cicli mestruali,peso,livelli di colesteroloe molto altro.Quando que­sti ormoni mancano si nota nell’organismo una tendenza allo “spegnimento” con una evidente sindrome da affaticamento (è il caso dell’ipotiroidismo) o, al contrario, se vengono prodotti in eccesso (è il caso dell’ipertiroidismo) con una grande, eccessiva, sferzata di energia.

Il pannello tiroideo può far parte di un check-up di controllo, oppure venire richiesto quando ci sono sintomi evocatori di ipo o ipertiroidismo per problemi inerenti alla tiroide.

L’ipotiroidismo può manifestarsi con i seguenti segni e sintomi:

Aumento di pesoPelle seccaCostipazioneIntolleranza al freddoPelle gonfiaCaduta di capelliStanchezzaNelle donne, irregolarità del ciclo mestrualeL’ipertiroidismo può manifestarsi con i seguenti segni e sintomi:

Aumento della frequenza cardiaca (tachicardia)AnsiaPerdita di pesoDisturbi del sonnoTremore delle maniDebolezzaAumento della funzionalità intestinale (talvolta vera e propria diarrea)Gonfiore intorno agli occhi, secchezza, irritazione o sporgenza degli occhiGli esami sono poi fondamentali anche per monitorare l’andamento dell’eventuale patologia diagnosticata e/o la risposta ai farmaci.

Gli esami utili per diagnosticare l’ipotiroidismo (carente produzione di ormoni) o l’ipertiroidismo (eccessiva produzione di ormoni) sono:

Il dosaggio della parte libera dell’ormone T3 e dell’ormone T4 chiama­to rispettivamente FT3 (Free T3) e FT4 (Free T4)L’analisi del TSH o ormone tireotropoL’analisi degli anticorpi anti-tireoglobulina (anti-TG) o degli anticorpi antitireoperossidasi (anti-TPO) chiamati anche anti-microsomi.Si tratta di analisi del sangue prescritte dal medico per diagnosticare se la persona soffre di una malattia che interessa la tiroide e per trattarla con le cure opportune.

Alle analisi di laboratorio spesso si affianca una ecografia alla tiroide come approfondimento che “fotografa” la struttura del tessuto tiroideo e evidenzia se la tiroide è ingrossata, se ci sono noduli etc…

Come si fa l’esame

Si tratta di analisi di laboratorio che consistono in un semplice prelievo di sangue e che non richiedono alcuna specifica preparazione, fatta eccezione del digiuno che serve per evitare che il cibo interferisca con il risultato. L’assunzione di farmaci non influenza l’esito dell’analisi, tranne quelli specifici per la cura delle malattie della tiroide. Se si sta seguendo una cura, è con­sigliabile, quindi, avvisare il medico.

Interpretare gli esami del sangue

Se il risultato è più alto dei valori normali (generalmente per entrambi gli ormoni) significa che la persona soffre di ipertiroidismo, la cui forma più comune è il morbo di Basedow, una malattia che causa una elevata produzione di questi ormoni perché la tiroide è stimolata da anticorpi “impazziti” che la bersagliano. In altri casi può essere causato, invece, da noduli alla tiroide.

Se il risultato, invece, è più basso rispetto ai valori normali, si tratta di ipotiroidismo, cioè di una riduzione della funzionalità della tiroide con conseguente carente produzione di ormoni. Molto spesso, però, i valori risultano nella norma anche se si soffre di ipotiroidismo. In ogni caso, questa malattia può essere presente fin dalla nascita, ma manifestarsi in età adulta oppure può essere dovuta alla tiroidite di Hashimoto, cioè l’organismo in seguito ad una infezione della tiroide produce anticorpi contro questa ghiandola, che appare, così, ridotta di volume.

Dosaggio dell’FT3 e dell’FT4:

sono esami molto sensibili e specifici, il cui valore non viene alterato da condizioni particolari in cui ci si trova, come, per esempio, una gravidanza in cui il valore dell’ormone T3, invece, può essere anomalo senza che vi sia, in realtà, un problema alla tiroide.

Dosaggio dell’ormone T3 (triiodotironina) e dosaggio dell’ormone T4 (tiroxina):

il loro valore è normale quando il risultato oscilla tra lo 0.8 e i 2 nanogrammi per millilitro di sangue nel caso dell’ormone T3 e tra 4.5 e 12 nanogrammi per decilitro di sangue nel caso dell’ormone T4.

Se il loro valore è più alto del normale, significa che la persona soffre di ipertiroidismo.Se il loro valore è più basso del normale, significa che la persona soffre di ipotiroidismo.Analisi del TSH o ormone tireotropo:

Generalmente il suo valore è alterato ed è molto alto quando la persona soffre di ipotiroidismo. E’ un test molto sensibile in cui si possono osservare valori elevati ancor prima che siano diminuiti i valori dell’or­mone T4.

Un suo valore molto basso vicino allo 0.1 nano Unità per millilitro di sangue, indica la presenza di ipertiroidismo.

Ricerca degli anticorpi anti-tireoglobulina (anti-TG)

Anche la rilevazione degli anticorpi anti-tireoglobulina – la proteina tiroidea usata dalla ghiandola per produrre gli ormoni T3 e T4 – rientrano nelle malattie autoimmuni a danno della tiroide.

Anche gli anti-Tg sono immunoglobuline circolanti dirette contro la tireoglobulina, e quindi sono, se presenti in concentrazioni oltre la norma, soprattutto un segnale di malattie come il morbo di Basedow-Graves e le tiroiditi autoimmuni. Tuttavia, una positività a questo test si ritrova anche nel 10% della popolazione sana, ragion per cui i risultati vanno sempre incrociati con altri esami specifici, come ad esempio l’anti-TPO.

I valori considerati nella norma per uomini e donne si situano tra 0 e 60 unità per millilitro di sangue.

Ricerca degli anti­corpi anticorpi anti-tireoperossidasi (anti-TPO) chiamati anche antimicrosomi

Uno dei pericoli maggiori per la nostra tiroide è quello di diventare “bersaglio” di attacchi immotivati da parte del nostro stesso sistema immunitario.

Molte malattie croniche a carico di questa ghiandola sono proprio di natura autoimmune. Per scoprire se qualcosa del genere sta accadendo nei tessuti della tiroide, possiamo fare un semplice test del sangue per rilevare la presenza di specifici anticorpi contro la tireoperossidasi, una proteina enzimatica presente nel citoplasma delle cellule dei tessuti tiroidei che ha lo scopo di inibire l’eccessiva produzione di ormoni T3 e T4. Anticorpi (detti immunoglobuline) diretti contro questa sostanza li troviamo nelle persone con malattie della tiroide di natura autoimmune, in particolare la tiroidite di Hashimoto e il morbo di Basedow-Graves. C’è anche da dire che valori elevati di anticorpi anti TPO sono fisiologici in gravidanza.

I valori normali di anti-tireoperossidasi sono (per uomini e donne): da 0 a 60 unità per millilitro di sangue.

Redazione NurseTimes

Esami del sangue per la Tiroide: TSH, FT3, FT4, Tireoglobulina (anti-TG), Tireoperossidasi (TPO)
NECPAL CCOMS-ICO: strumento per identificare le persone con patologie croniche in fase avanzata terminale che necessitano di cure palliative
Brasile, non assiste alla nascita del figlio: aggredisce ginecologo e tre infermiere
Trieste, bimba dimessa dopo l’applicazione di un sondino gastrico. Madre accusava l’ospedale di averle perforato un polmone
Brasile, abusi su paziente incinta: arrestato anestesista
L’articolo Esami del sangue per la Tiroide: TSH, FT3, FT4, Tireoglobulina (anti-TG), Tireoperossidasi (TPO) scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.