Le persone che dormono meno di sei ore a notte possono essere ad aumentato rischio di malattie cardiovascolari (CV) rispetto a quelle che dormono tra le sette e le otto ore. Lo suggeriscono i risultati dello studio “PESA CNIC-Santander” pubblicato sul “Journal of American College of Cardiology (JACC)”. In particolare, secondo la ricerca, un sonno di scarsa qualità aumenta il rischio di aterosclerosi, con un accumulo di placche nelle arterie diffuse in tutto il corpo.