Questi soggetti sono spesso sfavoriti nell’accesso ai servizi finanziari, ai prestiti bancari o quando chiedono di sottoscrivere mutui o polizze assicurative. Una soluzione ci sarebbe…

Sono 3,6 milioni i cittadini in Italia che vivono dopo una diagnosi di cancro. Il 27%, circa 1 milione di persone, può essere considerato guarito perché si è lasciato la malattia alle spalle e non necessita di trattamenti. Purtroppo, oggi, alla guarigione clinica non corrisponde ancora quella sociale. I guariti devono affrontare ostacoli che impediscono loro di riprendere una vita normale dopo la conclusione delle cure antitumorali.

Sono infatti discriminati nell’accesso ai servizi finanziari, ai prestiti bancari o quando chiedono di sottoscrivere mutui o polizze assicurative. Per questa immensa platea di persone, che hanno ricevuto una diagnosi di cancro e sono guariti, sono necessarie norme che consentano loro un reale ed effettivo ritorno alla vita dopo il cancro, alla pari delle persone sane.

È il cosiddetto diritto all’oblio, per cui un paziente oncologico non deve essere costretto a dichiarare la pregressa patologia, trascorso un certo periodo di tempo dalla diagnosi e dalla conclusione dei trattamenti. La richiesta viene da oncologi e pazienti in una conferenza stampa a Roma alla Camera dei Deputati per la presentazione del libro Guariti e Cronici. Manuale di Oncologia Clinica, a cura di Armando Santoro, Antonella Surbone, Paolo Tralongo (ed. Edisciences).

La Francia è stato il primo Paese a stabilire per legge che le persone con pregressa diagnosi oncologica, trascorsi dieci anni dalla fine dei trattamenti o cinque per coloro che hanno avuto il tumore prima della maggiore età, non sono tenute ad informare gli assicuratori o le agenzie di prestito sulla loro precedente malattia. Ad oggi, dopo la Francia, Belgio, Lussemburgo, Olanda e più recentemente il Portogallo hanno adottato una disciplina analoga, ma anche altri Paesi stanno affrontando questa problematica.

«Nei prossimi mesi – annuncia Francesco De Lorenzo, presidente Favo (Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia) – Alleanza Contro il Cancro, insieme a tutti gli IRCCS oncologici e con AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e Aimac, pubblicherà un position paper sul modello italiano sulla survivorship care e sulle motivazioni che dovranno essere alla base del riconoscimento legislativo del ‘diritto all’oblio’ delle persone guarite dal cancro, presupposto per abbattere lo stigma cancro uguale morte e per il superamento delle barriere che ne derivano».

«Sotto l’ampia definizione di ‘sopravvissuti’ al cancro, oggi sono inclusi; pazienti che vivono con neoplasie cronicizzate e caratterizzate da remissione alternata a recidiva: quelli il cui tumore progredisce lentamente, spesso accompagnato da una qualità della vita accettabile; quelli che, dopo anni di assenza di malattia, possono essere dichiarati guariti e quelli che sono in remissione clinica per lunghi periodi di tempo o per tutta la vita – spiega Armando Santoro, direttore Humanitas Cancer Center dell’Istituto Clinico Humanitas IRCCS di Rozzano (Milano) –. Riteniamo che serva una nuova categorizzazione, meno rigida rispetto a quella adottata in Francia, considerando cioè la possibile evoluzione di ogni tumore».

Sempre Santoro: «Il tempo necessario a raggiungere la stessa attesa di vita della popolazione generale e a definire la persona guarita varia in relazione alle diverse neoplasie ed è inferiore a cinque anni per il cancro della tiroide e inferiore a un decennio per quello del colon e il melanoma. Per alcuni tumori frequenti, come quelli della mammella e della prostata, un eccesso di rischio che la malattia si ripresenti, sebbene esiguo, si mantiene molto a lungo, per oltre 20 anni. Anche per le persone con tumori della vescica o del rene, linfomi non-Hodgkin (in particolare i linfomi a grandi cellule B o follicolari), mielomi e leucemie, soprattutto per le varianti croniche, un eccesso di rischio rispetto alla popolazione generale permane per oltre 15 anni dopo la diagnosi».

Aggiunge Giordano Beretta, presidente della Fondazione Aiom: «Proprio come i trattamenti antitumorali che sono sempre più mirati a sottogruppi di pazienti, così anche gli interventi sulla lungovivenza devono essere personalizzati nella pratica clinica. Molti pazienti, trascorso un certo nu­mero di anni dalla diagnosi, si considerano guariti e vogliono essere così dichiarati anche dai loro oncologi. Ciononostante, alcuni clinici sono ancora riluttanti ad applicare il termine ‘guarito’, temendo di aumentare speranze che potrebbero essere deluse, preferendo espressioni come ‘nessuna evidenza di malattia’ o ‘remissione’, la cui risonanza è diversa per pazienti e pro­fessionisti. Un’adeguata categorizzazione dei pazienti oncologici può invece facilitare la loro adesione alla sorveglianza proposta dai clinici, includendo le misure per favorire il mantenimento di una buona salute generale grazie a stili di vita sani».

Redazione Nurse Times

Fonte: Sanità Informazione

Tumori: sempre più ambiti di applicazione per l’elettrochemioterapia
Discriminazione dei pazienti guariti dal cancro: serve il diritto all’oblio
Reflusso gastroesofageo: sintomi, alimentazione e farmaci 
La farsa sulla stop (transitorio) all’incompatibilità. Carbone (FIALS) “Oltre il danno la beffa”
Coronavirus, Israele anticipa tutti sulla dose booster di vaccino: crollano contagi e decessi
L’articolo Discriminazione dei pazienti guariti dal cancro: serve il diritto all’oblio scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.