Di seguito la nota congiunta diffusa dagli Ordini di infermieri e medici e la replica dell’Azienda sanitaria.

“Inammissibile legare le dimissioni alla verifica del pagamento dei pasti di accompagnatori e caregiver”. Opi e Omceo Grosseto hanno commentato duramente la circolare recentemente inviata dall’Azienda Usl Toscana Sud Est ai direttori dei presidi ospedalieri e si sono detti preoccupati per il pagamento di un servizio finora gratuito: “Oltre al fatto che non si tiene conto del reddito, non possiamo accettare che una scelta clinica, la dimissione, sia legata a una procedura amministrativa”.

Prosegue la nota congiunta: “Non entriamo nel merito della scelta di far pagare il pasto ai genitori dei bambini ricoverati e ai parenti delle persone degenti in hospice, servizio finora gratuito, ma riteniamo gravissimo che questa decisione vada a interferire con i percorsi di cura: legare la dimissione del paziente all’accertamento dell’avvenuto pagamento è per noi, professionisti sanitari, inaccettabile”.  Nella circolare, infatti, sono indicati costi e modalità di pagamento dei pasti per gli accompagnatori dei minori ricoverati e per i caregiver.

“Non possiamo accettare – dicono il presidente dell’Ordine degli infermieri, Nicola Draoli, e la presidente dell’Ordine dei medici, Paola Pasqualini – che si assoggettino le dimissioni alla verifica del pagamento. Si tratta di un pratica che condiziona il percorso di cura e la vincola alla riscossione di un’imposizione economica e questo va contro i principi del nostro sistema sanitario. Noi siamo professionisti della sanità, siamo chiamati per deontologia a garantire le prestazioni in un sistema che è universalistico e solidaristico: non facciamo distinzioni basate su nessun tipo di discriminante soggettiva, tantomeno quella reddituale. Per questo la dimissione, per noi, subentra solo dopo una decisione clinica e non amministrativa ed è inaccettabile unire questi due aspetti, tanto più se lo si fa per quei casi che meritano, al contrario, più tutela. Stiamo parlando, infatti, degli accompagnatori di minori, che non possono essere lasciati soli, e che spesso, soprattutto per la terapia intensiva neonatale, possono durare settimane, e per i caregiver di persone terminali, che stanno vivendo i loro ultimi giorni. Come possiamo pensare di legare la dimissione, che purtroppo in alcuni contesti particolari coincide spesso con il decesso, alla verifica di un pagamento? Stiamo parlando di genitori, figli, fratelli, compagni di persone in stato di estremo bisogno e di persone, i caregiver, che stanno affrontando un momento della vita particolarmente complicato, per il quale hanno bisogno di supporto e sostegno”.

A preoccupare Opi e Omceo è anche il fatto che la nota della Asl sembra delegare ai professionisti sanitari il controllo dell’avvenuto pagamento, oltre che una serie di incombenze comunicative con le ditta esterne: “Ci chiediamo anche chi deve controllare e verificare che i pagamenti siano avvenuti. Dalla nota inviata, infatti, si potrebbe leggere tra le righe che sia il personale sanitario a dover vigilare, in una situazione in cui siamo già oberati di lavoro, e le nostre priorità sono quelle della cura e del prendersi cura e non certo la verifica amministrativa, che è un aspetto che non ci compete. Questo è un elemento che non ci appartiene e su cui non vogliamo assolutamente essere coinvolti”.

E ancora: “Chiediamo con forza che l’Azienda riveda immediatamente questo programma. Come detto, non entriamo nel merito della scelta, anche se non possiamo fare a meno di notare che per lunghe degenza si tratta di chiedere cifre importanti alle famiglie senza tener conto della condizione reddituale, ma vogliamo che l’accertamento del pagamento non sia legato alle dimissioni e che l’Azienda provveda all’eventuale recupero delle somme non versate con altre modalità, ad esempio con quelle già attuate per la riscossione dei ticket. Suggeriamo all’Azienda di instaurare dei percorsi di interfaccia più diretta, semplice ed esclusiva tra i familiari dei degenti e le ditte esterne, esautorando noi professionisti da qualsiasi compito in merito”.

La Replica dell’Azienda sanitaria – Non si è fatta attendere la replica dell’Azienda Usl Toscana Sud Est, sempre attraverso una nota che recita: “In merito alla lettera dell’Ordine delle professioni infermieristiche e dell’Ordine dei medici sul pagamento dei pasti a caregiver e accompagnatori di minori,apparsa oggi sui media, la Asl Toscana sud est ritiene necessarie alcune puntualizzazioni.

Innanzitutto preme precisare che le dimissioni del paziente non sono in alcun modo vincolate al pagamento dei pasti delle due categorie interessate, come si evince erroneamente dalle affermazioni dei presidenti dei due Ordini. Piuttosto, nella procedura operativa le dimissioni vengono indicate come il momento utile da parte dell’utente per saldare il costo dei pasti. Infatti, qualora le persone non effettuassero il pagamento, la Asl provvederà semplicemente ad attivare nei loro confronti procedure amministrative di riscossione degli importi dovuti. Inoltre, al personale di assistenza non è stata richiesta alcuna funzione di controllo, ma solo quella di informare gli utenti. Infine nei prossimi giorni sarà attivata una procedura che consentirà il pagamento dei pasti direttamente tramite cassa automatica o sportello Cup”.

Redazione Nurse Times

Coronavirus, giungono conferme sull’efficacia dell’invermectina
Tippy Rail: il dispositivo che previene le cadute dei bimbi dal lettino
L’attestato è carta straccia: Riuniti di Foggia annulla graduatoria per 65 oss
Coronavirus, Iss: “Vaccino protegge fino al 100% da infezioni, ricoveri e decessi”
De Palma (Nursing Up) Delibera Oss Veneto “Cara Lanzarin, sbagliare è umano, perseverare è addirittura diabolico”
L’articolo Dimissioni dei pazienti vincolate al pagamento dei pasti di accompagnatori e caregiver? Botta e risposta tra Opi/Omceo Grosseto e Usl Toscana Sud Est scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.