Sanità, Nursing Up De Palma: “merita ulteriori approfondimenti l’iniziativa della vicepresidente Moratti in merito a una proficua collaborazione tra infermieri e medici nell’interesse dei cittadini e della ottimale ricostruzione della sanità territoriale».

ROMA 10 GIU 2022 – «Una sanità nuova, una sanità che riparte da fondamenta solide e da una sinergia concreta tra le varie e distinte professionalità che, nel pieno rispetto delle reciproche identità, sono in grado di collaborare in modo sano, sereno e proficuo per offrire ai malati, agli anziani, ai soggetti fragili, ai minori, prestazioni che siano figlie legittime delle enormi competenze e qualità che ognuno di loro è in grado di mettere in campo.

In un momento cruciale per la sanità italiana, con il rinnovo del contratto in dirittura d’arrivo, non servono affatto strumentalizzazioni, né controproducenti battaglie atte a difendere il proprio orticello dal vicino confinante.

Infermieri e medici, da sempre, nelle corsie di un ospedale, sono stati capaci, al di là delle rispettive peculiarità professionali, di costruire un rapporto sereno, nell’interesse del paziente.

Oggi i dottori in infermieristica Italiani, perché non dimentichiamo che i nostri infermieri si pongono all’acme tra gli altri colleghi in Europa, hanno conoscenze e competenze che gli consentono di assumere importanti responsabilità. 

Nessuna strumentalizzazione o paragone dunque, tra forme di collaborazione proprie del rapporto tra professioni sanitarie laureate, che sono ormai realtà in tutti i paesi evoluti, e giammai l’attribuzione di funzioni improprie a categorie professionali che non possiedono, per formazione e tipologia di mandato professionale, le conoscenze ed il know how necessari e che, tra le altre cose, non sono ricomprese nell’alveo delle professioni sanitarie laureate, come è il caso, da ultimo, degli OSS della Regione Veneto.

Non dimentichiamo che in altri paesi, e cito solo per esempio l’Inghilterra, esistono già peculiari e condivise forme di collaborazione tra medici ed infermieri, nel rispetto delle specifiche e distinte competenze, che risultano sperimentate, confermate e tempo per tempo perfezionate.  

Pertanto, massimo rispetto nei confronti dell’iniziativa della Vicepresidente della Regione Lombardia, Letizia Moratti, che consideriamo potenzialmente innovativa e lungimirante, e nei confronti della quale ci riserviamo di approfondirne gli aspetti, nell’ambito di una costruttiva posizione di riflessione. 

Indipendentemente da tutto ciò, merita plauso il lavoro svolto dai medici, dai pediatri e dagli infermieri, finalmente in sinergia per dare risposte coerenti ai bisogni di salute della cittadinanza».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, commenta l’iniziativa del Gruppo di Lavoro creato con Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta e Infermieri, per affrontare le tematiche della medicina di iniziativa, con lo scopo di elaborare strategie e progettualità al fine di rispondere ai bisogni dei cittadini sul territorio, partendo dal fatto che la carenza di professionisti coinvolge tutti. 

«Ovviamente come sindacato degli infermieri italiani ci riserviamo ulteriori e doverosi approfondimenti su questo progetto, rispetto al quale non mancheremo di intervenire ancora , ma è chiaro che se si parla di sblocco della libera professione per i nostri professionisti, e anche di infermieri di famiglia e di sanità territoriale, con alla base un proficuo rapporto di collaborazione tra medici, infermieri e perché no, anche il coinvolgimento dei colleghi delle altre professioni sanitarie, non potremmo, il condizionale è d’obbligo, che guardare di buon occhio a tutto questo.

Insomma, la strada potrebbe essere quella buona da percorrere, nell’ottica di una sanità italiana che patisce, come non mai in questo momento, la carenza di professionisti, e che proprio per tale ragione deve essere pronta a ricaricare le batterie per affrontare le nuove sfide che ci attendono, nella logica di perseguire un obiettivo comune che ci unisce, per il quale combattere come abbiamo sempre fatto, ovvero la tutela della salute della collettività», chiosa De Palma.

Redazione Nurse Times

Super infermieri supplenti dei Mmg. La Regione precisa “Supplenza solo organizzativa e non professionale”. La risposta degli Opi lombardi
Super infermieri in sostituzione dei medici di famiglia. Fimmg “irrispettose, se confermate, le dichiarazioni di Moratti”
Cure primarie: in Lombardia gli infermieri sostituiranno i medici. Nursing Up “iniziativa innovativa e lungimirante”
Super infermieri in Lombardia: la protesta della Fnomceo
La dott.ssa De Palma presenta la tesi sul Paziente in trattamento dialitico cronico: ruolo e competenze infermieristiche
L’articolo Cure primarie: in Lombardia gli infermieri sostituiranno i medici. Nursing Up “iniziativa innovativa e lungimirante” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.