I pazienti con malattia di Crohn in trattamento con ustekinumab che hanno perso la risposta al farmaco o non hanno risposto in maniera adeguata sono stati in grado di riprendere la risposta grazie al dimezzamento dell’ intervallo di dosaggio. E’ quanto presentato all’ultimo congresso della European Crohn’s and Colitis Organisation (ECCO 2019).