I risultati di uno studio pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology evidenziano che l’assunzione di glutine nella dieta non sarebbe associato al rischio di sviluppare malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD), malattia di Crohn o colite ulcerosa.

Hamed Khalili del Massachusetts General Hospital, e colleghi che hanno condotto la ricerca, hanno scritto che i pazienti con infiammazione intestinale spesso riferiscono miglioramenti nei sintomi dopo aver limitato l’assunzione di glutine.

“Ciò può essere dovuto a una celiachia non diagnosticata, che costituisce una parte sostanziale dei casi di celiachia, o un effetto del glutine sull’attività IBD”, hanno scritto, riporta pharmastar.it. “Le prove del ruolo del glutine nell’infiammazione intestinale, indipendentemente dalla celiachia, sono scarse”.

Tra l’altro uno studio dello scorso anno presentato alla Digestive Disease Week 2020, poi cancellato per l’emergenza Covid-19 ha evidenziato che nelle donne che non soffrono di celiachia non è stata osservata alcuna correlazione tra l’assunzione di glutine con la dieta e il rischio di incidenza della malattia di Crohn o di colite ulcerosa.

Nello studio attuale, i ricercatori hanno condotto uno studio prospettico di coorte su 208.280 individui provenienti dallo studio Nurses ‘Health Study (NHS), NHSII e Health Professionals Follow-up per determinare la relazione tra l’assunzione di glutine e il rischio di IBD.

Tutti i pazienti non avevano IBD o celiachia al basale e hanno compilato questionari semiquantitativi sulla frequenza degli alimenti.I ricercatori hanno utilizzato quei dati per stimare il rischio di IBD sulla base di quintili di assunzione di glutine nella dieta aggiustata per la media nel corso del follow-up.

Khalili e colleghi hanno identificato 337 casi di malattia di Crohn e 447 casi di colite ulcerosa (UC) oltre 5.115.265 anni-persona di follow-up.

Rispetto agli individui nel quintile più basso di assunzione di glutine, gli individui nel quintile più alto non erano a maggior rischio di malattia di Crohn (HR aggiustato=1,16; 95% CI, 0,82-1,64) o UC (aHR=1,04; 95% CI, 0,75- 1,44).

Khalili e colleghi hanno scritto che i loro risultati non sono cambiati dopo l’adeguamento per le fonti primarie di assunzione di glutine.

“L’assunzione a lungo termine di glutine non ha conferito un aumento del rischio di sviluppare IBD negli adulti negli Stati Uniti, anche tra i partecipanti ad alto rischio con una storia familiare di IBD”, hanno scritto. “I nostri risultati non supportano la teoria che il glutine contribuisca allo sviluppo di IBD. Questo è importante a causa dei benefici per la salute stabiliti da una dieta ricca di cereali integrali. Il glutine non dovrebbe essere evitato empiricamente nelle persone senza celiachia allo scopo di prevenire le IBD.”

Lopes E. W. et al., Dietary gluten intake is not associated with risk of inflammatory bowel disease in U.S. adults without celiac disease. Clin Gastroenterol Hepatol 2021 Mar 25;S1542-3565(21)00339-6. doi: 10.1016/j.cgh.2021.03.029. Online ahead of print

Vaccini Puglia: la Fials chiede tavolo di confronto su modello organizzativo e compensi per gli infermieri
Studenti di infermieristica leccesi contro la delibera Veneta sulle competenze OSS
Crohn e colite ulcerosa, nessun legame con l’assunzione di glutine
Come distiguere l’emicrania e la cefalea muscolo-tensiva
Serra di marijuana nel box e false ricette mediche per farmaci a base di morfina
L’articolo Crohn e colite ulcerosa, nessun legame con l’assunzione di glutine scritto da Cristiana Toscano è online su Nurse Times.