Un’invenzione realizzata da uno studente neozelandese potrebbe mandare definitivamente in pensioni i tradizionali apparecchi gessati.

Jake Evill ha inventato un dispositivo applicabile in caso di lesioni ossee denominato Cortex Cast (Gesso Corteccia).

“Cortex è un esoscheletro che consente un sistema di supporto altamente tecnologico alla zona traumatizzata: è completamente ventilato, estremamente leggero perché costituito di nylon, riciclabile, impermeabile e perciò adatto anche alla doccia o al bagno, igienico, discreto, personalizzabile e, non ultimo, gradevole alla vista”, ha spiegato.

Il device è prodotto a misura di paziente mediante la tecnica di stampa tridimensionale dopo aver effettuato una scansione radiografica dell’arto. 

Successivamente viene eseguita una scansione 3D della parte interessata per rilevare esattamente quali siano le dimensioni e quale sia la conformazione. Grazie ad un software evoluto sarà così fedelmente riprodotta la forma dell’arto.

Infine verrà stampato un calco tridimensionale da poter indossare, dotato di un rinforzo in prossimità del punto dove è presente la lesione ossea ottenuto modificando la struttura stessa delle maglie.

L’esoscheletro si presenta estremamente confortevole, ventilato e leggero. È interamente prodotto in nylon riciclabile, materiale che permetterebbe un abbattimento dei costi di produzione e del successivo smaltimento.

Simone GussoniL’articolo Cortex, l’esoscheletro 3D su misura che sostituirà il tradizionale apparecchio gessato scritto da Simone Gussoni è online su Nurse Times.