Il segretario provinciale del sindacato, Andrea Gregori: “Infermieri bardati per otto ore al giorno al solo scopo di garantire il divertimento altrui”.

“Una situazione insostenibile, una vera e propria follia, che mette a dura prova la sanità pubblica per garantire gratuitamente un tampone a chi non ha voluto vaccinarsi, impegnando decine e decine di infermieri in tutta la provincia, e non solo, a scapito di un servizio essenziale e urgente, che dovrebbe essere reso alle persone realmente ammalate”. Così Andrea Gregori, segretario provinciale di Nursind Vicenza, commenta la corsa al tampone di chi non ha ricevuto il vaccino anti-Covid per poter entrare nei ristoranti al chiuso, nei cinema e in tutti gli esercizi che prevedono l’esibizione del Green Pass.

Infermieri costretti a turni massacranti, bardati con tute protettive, mascherine, visiere, guanti per l’intera giornata lavorativa, in piena estate. “Per sostenere questi ritmi di lavoro ed eseguire migliaia di tamponi al giorno – prosegue Gregori – stiamo sottraendo risorse a chi avrebbe bisogno di assistenza all’interno degli ospedali. Una situazione davvero paradossale in uno Stato di diritto, in una Repubblica che dovrebbe porre al centro la persona”.

E ancora: “Sono un’assoluta follia le motivazioni che vengono addotte da queste persone, che si presentano ai diversi centri tampone, per avere un tampone a titolo gratuito. Si va dall’esigenza, naturalmente ‘urgente’, di accedere al ristorante con gli amici, di andare al casinò, di andare al parco divertimenti, di salire in aereo o in treno, nonché di andare in vacanza. Non mi sembrano diritti costituzionalmente rilevanti e che la sanità pubblica debba garantire. Chi vuole disporre della libertà di fare queste cose deve adeguarsi alle regole o, in alternativa, sostenere i costi del tampone”.

Gli infermieri lavorano incessantemente per garantire il divertimento altrui. “Come sanitari – sottolinea il segretario Gregori –, non siamo disposti a rimanere bardati otto ore al giorno per garantire il divertimento di qualcun altro, senza nemmeno una pausa per andare in bagno. Per di più siamo costretti a subire le continue lamentele per i tempi di attesa dei referti o le ulteriori, ridicole lamentele per il fastidio del tampone: un atteggiamento incivile e irresponsabile. Queste persone dovrebbero almeno avere la decenza di tacere, visto che approfittano della gratuità di tale servizio, a scapito di persone che ne avrebbero un reale bisogno”.

Una situazione talmente al limite da richiedere, secondo Gregori, l’eventuale ricorso allo sciopero: “Se entro lunedì non saranno prese decisioni serie da parte delle Aziende sanitarie del territorio in merito a questa follia collettiva, ci vedremo costretti, nostro malgrado, a dichiarare lo stato di agitazione di tutti i centri tampone del Veneto, nonché la relativa sospensione del servizio attraverso il diritto di sciopero. Dopo un anno e mezzo di sacrifici per salvare vite umane, non abbiamo nessuna intenzione di continuare a questo ritmo al solo scopo di garantire il divertimento di qualcun altro”.

Redazione Nurse Times

Copertino (Lecce), ambulante muore di Covid: aveva rifiutato le cure in ospedale
Trento, ginecologa scomparsa dopo essersi dimessa: due medici indagati per maltrattamenti
Cagliari, oss non vaccinata contro il Covid e sospesa si presenta al lavoro: intervengono i carabinieri
Toscana, Nursind denuncia: “Assunzioni bloccate con i ricoveri Covid in aumento. Infermieri lasciati soli dalla Regione”
Padova, niente mobilità per infermiere non vaccinato contro il Covid
L’articolo Corsa al tampone di chi non ha il Green Pass, Nursind Vicenza: “Ritmi di lavoro insostenibili. Possibile ricorso allo sciopero” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.