UniFe, Spallanzani e Iss di San Marino valuteranno quantità e qualità degli anticorpi anti-Spike prodotti con l’assunzione del vaccino russo.

L’Università di Ferrara prende parte alla sperimentazione sull’efficacia del vaccino russo Gam-COVID-Vac, il cosiddetto Sputnik V, insieme all’Istituto per la Sicurezza Sociale (Iss) di San Marino e all’Istituto Spallanzani di Roma. I ricercatori ferraresi opereranno una valutazione qualitativa e quantitativa della risposta di anticorpi prodotta dall’organismo dopo la somministrazione del vaccino.

Nella Repubblica sammarinese i cittadini che si vaccinano con Sputnik V sono circa 10mila: previo consenso, saranno monitorati in occasione della seconda dose vaccinale e a tre settimane da quest’ultima. L’analisi valuterà sia la quantità di anticorpi anti-Spike prodotti sia la loro qualità, cioè il contenuto reale di anticorpi capaci di neutralizzare il coronavirus.

Attualmente a San Marino circa un terzo della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino. Questo studio si aggiunge a quello su eventuali reazioni avverse a Sputnik V, che sempre sulla popolazione di San Marino è stato avviato dall’Istituto per la sicurezza sociale e dall’Università di Bologna.

Redazione Nurse Times

L’articolo Coronavirus, via ai test sull’efficacia dello Sputnik V in Italia scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.