Si tratta di medicinali che richiedono la prescrizione medica e acquistabili solo in farmacia, o addirittura non autorizzati.

Vendevano e promettevano cure e terapie per il coronavirus, anche con farmaci vendibili solo dietro prescrizione medica e acquistabili in farmacia. Sono i 95 siti web oscurati dal reparto operativo dei carabinieri del Nas, nell’ultima operazione condotta tra giugno e luglio.

Molti dei farmaci contenevano principi attivi soggetti a restrizioni d’uso e specifiche indicazioni d’impiego clinico, come gli antivirali lopinavir/ritonavir, remdesivir e ribavirin, l’antibiotico azitromicina, gli antimalarici clorochina e idrossiclorochina e l’antinfiammatorio colchicina, e il tocilizumab per l’artrite reumatoide.

I Nas hanno inoltre rimosso dalla vetrina virtuale un marketplace per gli utenti italiani con 12 annunci relativi a medicinali con umifenovir, non autorizzato in Europa e privo di evidenze scientifiche di efficacia nel trattamento o prevenzione del Covid-19, sul farmaco camostat mesilato, non autorizzato in Italia, e l’antivirale oseltamivir.

Salgono cosí a 241 i provvedimenti sinora eseguiti nel 2021 dai Nas (209 dei quali legati all’emergenza Covid), che invitano i cittadini a diffidare delle offerte in rete di medicinali non autorizzati o di dubbia provenienza, ricordando che la vendita online di farmaci soggetti a obbligo di prescrizione è assolutamente vietata.

Redazione Nurse Times

Tecnologia mRNA, non solo vaccino anti-Covid: Moderna vuole estenderla alla cura del cancro
OSS, Terni: rifiuta il vaccino, il giudice rigetta il ricorso
Green Pass: esenzione per i non vaccinabili?
Ipotensione: cause e rimedi
Coronavirus, Cooke (Ema): “Presto per dire se servirà terza dose di vaccino”
L’articolo Coronavirus, vendita illegale di farmaci online: Nas oscurano 95 siti web scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.