Il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, anticipa i dettagli riguardanti la prossima fase della campagna vaccinale.

Il servizio di somministrazione del vaccino anti-Covid in farmacia dovrebbe essere attivo a partire da giugno grazie a “un sistema di approvvigionamento delle scorte, che probabilmente saranno distribuite attraverso i nostri grossisti”. Il funzionamento sarà semplice e immediato: “Chi vuole vaccinarsi potrà recarsi direttamente dal suo farmacista e chiedere l’appuntamento. Un percorso semplice e veloce, che favorisca la partecipazione alla campagna di profilassi”. Così Marco Cossolo (foto), presidente di Federfarma, in merito alla prossima fase della campagna vaccinale, quella che permetterà a chiunque di ricevere la propria dose in farmacia e che coinvolgerà la fascia d’età “tra i 18 e i 60 anni”.

I vaccini utilizzati saranno prevalentemente quelli di Johnson & Johnson e AstraZeneca, “perché – precisa Cossolo – sono più facili da gestire dal punto di vista logistico, essendo possibile conservarli nei frigoriferi di cui ogni farmacia è dotata”. Il presidente di Federfarma prevede che in ogni farmacia si possano somministrare “dalle 20 alle 30 dosi al giorno”, all’interno del locale stesso o in appositi gazebo allestiti all’esterno. Anche per questo iter è previsto che il vaccinato resti in osservazione per 15 minuti.

Redazione Nurse Times

L’articolo Coronavirus, “Vaccino somministrato in farmacia a partire da giugno” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.