Il lavoro scientifico, condotto su 29.611 operatori sanitari, ha valutato l’impatto del secondo booster di Pfizer/BioNTech sul tasso di infezioni breakthrough in epoca Omicron.

Più protetti anche dal contagio con la quarta dose di vaccino anti-Covid. E’ la conclusione di un maxi studio multicentrico israeliano pubblicato su Jama Network Open e condotto su 29.611 operatori sanitari.

Il lavoro scientifico ha valutato l’impatto del secondo booster di Pfizer/BioNTech sul tasso di infezioni breakthrough (cioè in persone vaccinate) in epoca Omicron. Risultato: la percentuale di tali infezioni è stata del 6,9% tra le persone vaccinate con quattro dosi, mentre è risultata più alta (19,8%) nei vaccinati con tre dosi.

Questi dati, concludono gli autori, suggeriscono che una quarta dose di vaccino sia efficace nel prevenire contagi Covid negli operatori sanitari, contribuendo a mantenere le funzioni del sistema sanitario durante l’ondata Omicron.

Redazione Nurse Times

Milano, eseguita prima procedura teleguidata per impianto di defibrillatore con smart glasses
Operatore sanitario del 118 di Melfi fermato dalla polizia con materiale ospedaliero
Ivrea, caos in Pediatria: acceso diverbio tra medico e papà di una bimba
Riscatto della laurea: tutto quello che c’è da sapere
Coronavirus, studio israeliano: “Quarta dose di vaccino protegge da contagio”
L’articolo Coronavirus, studio israeliano: “Quarta dose di vaccino protegge da contagio” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.