La ricerca è stata condotta nello Stato del New South Wales dal National Centre for Immunisation Research and Surveillance.

Le probabilità di finire in terapia intensiva per i non vaccinati contro il coronavirus sono 16 volte maggiori rispetto a chi ha ricevuto la doppia dose. Lo rivela il National Centre for Immunisation Research and Surveillance, in Australia, che tra agosto e settembre ha condotto uno studio nello Stato del New South Wales, di cui Sydney è capitale.

Il report evidenzia come le persone vaccinate rappresentino una quota largamente minoritaria dei ricoveri in terapia intensiva e dei decessi durante le prime 16 settimane dell’ondata epidemica associata alla variante Delta. Durante il picco massimo il tasso di persone vaccinate in terapia intensiva e decedute per il virus è stato dello 0,9 per 100mila, contro il 15,6 per 100mila tra i non vaccinati. L’analisi dimostra l’alta efficacia del vaccino: solo il 3,7% dei giovani vaccinati tra i 20 e i 30 anni è stato contagiato, e il 6,1% dei soggetti vaccinati tra i 30 e i 40 anni.

“I giovani con due dosi di vaccino hanno subito tassi minori di infezione e quasi nessuna malattia grave, mentre i non vaccinati in quelle classi di età erano a rischio notevolmente maggiore di contrarre il Covid e di richiedere ricovero in ospedale”, ha spiegato Kerry Chant, direttrice sanitaria del New South Wales.

Redazione Nurse Times

Risonanza magnetica, Royal Philips propone un approccio olistico per piccoli pazienti
Osteoartrosi: nuove terapie infiltrative per una reale rigenerazione della cartilagine
Sonno e rischio cardiovascolare: qual è l’orario migliore per andare a letto?
Mancano gli infermieri nelle RSA. Le 3 proposte di UNEBA per superare l’emergenza 
Dodici ore di missione per infermieri e medici dell’Ecmo Team del Gaslini per salvare una neonata in gravissime condizioni
L’articolo Coronavirus, studio australiano rivela: “Terapia intensiva 16 volte più probabile per i non vaccinati” scritto da Redazione Nurse Times è online su Nurse Times.